Corsini all'attacco di Pecci: "Turisti aumentati di 14 milioni in meno di cinque anni"

L'assessore regionale al Turismo ribatte alle accuse del consigliere comunale leghista sulle "politiche turistiche fallimentari"

“Se sessanta milioni di presenze turistiche sembrano poche, se un aumento di 14 milioni in meno di cinque anni non sono un risultato straordinario, non so veramente cosa dire. I numeri non sono interpretabili e credo che ci troviamo di fronte a un ennesimo grosso abbaglio”. L’assessore regionale al Turismo, Andrea Corsini, replica al capogruppo della Lega del Comune di Rimini, Marzio Pecci, che accusa la Regione di politica turistica fallimentare per la città. “Lo scorso anno abbiamo registrato il record storico di presenze turistiche- prosegue Corsini- sfiorando i 60 milioni, numeri che sono andati aumentando progressivamente da inizio legislatura. Un miracolo? Non credo proprio. Sono cifre frutto della strategia regionale, che abbiamo messo in campo con la nuova legge sul turismo e le Destinazioni, e di investimenti mirati. Tra questi l’aumento delle risorse del 30% per la promozione turistica, per dare gambe alle attività di Apt e Destinazioni, fino ai recenti 50 milioni di euro per la riqualificazione degli alberghi e degli stabilimenti balneari (25 milioni), e per la rigenerazione urbana e il rifacimento del lungomare nelle località della Costa (20 milioni che diventeranno 30). Fra poche settimane poi lanceremo un bando pubblico da un milione di euro indirizzato ai vettori aerei che decideranno di aprire nuove rotte internazionali con l’aeroporto di Rimini e stiamo studiando una campagna televisiva sulle reti nazionali”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Forse Pecci era distratto mentre l’offerta turistica regionale cambiava faccia e numeri- incalza l’assessore-, o forse semplicemente la campagna elettorale sta già offuscando la vista sulle cifre e i risultati che abbiamo ottenuto in questi anni straordinari siglati anche dalla prestigiosa guida Lonely Planet che solo lo scorso anno ha indicato l’Emilia-Romagna, le sue spiagge, il suo cibo e le città d’arte, come miglior meta d’Europa per le vacanze. Faccio una proposta al consigliere Pecci: perché non organizziamo un bel dibattito pubblico sulle politiche turistiche? Decida lui data e luogo. Sarebbe una bella occasione per il sistema turistico balneare mettere a confronto visioni, strategie e progettualità. Io per quelle della Regione Emilia-Romagna ci metto orgogliosamente la faccia. Il turismo ha bisogno di proposte concrete, non di propaganda e di generico qualunquismo”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Litigano per una donna davanti all'Arco d'Augusto: spuntano bastoni e cocci di bottiglia, due feriti

  • Bonus bici: è boom di vendite di biciclette, ma non per tutti

  • Lavoro stagionale, le figure più ricercate e i consigli dei Centri per l'impiego

  • Il coronavirus uccide altre due anziane. Due nuove positive al covid: erano asintomatiche

  • Contributi a fondo perduto per migliorare e modernizzare negozi, bar e ristoranti

  • Covid-19, altri 19 guariti. Cinque nuovi contagiati: i positivi totali sono 163

Torna su
RiminiToday è in caricamento