Dal Ministero per la Cultura 2 milioni di euro all’anno per le rievocazioni storiche

La proposta di legge presentata tra gli altri dall’on. Arlotti porterà contributi per “Il palio del daino” e la Legio XIII Gemina Rimini

Due milioni di euro all’anno, per tre anni, per sostenere le rievocazioni storiche. Con la Legge di Bilancio 2017, approvata ieri alla Camera in prima lettura, si istituisce nello stato di previsione del Mibact il Fondo nazionale per la rievocazione storica - con una dotazione di 2 milioni per ciascuno degli anni 2017, 2018, 2019 - al quale possono accedere Regioni, Comuni, istituzioni culturali e associazioni. Il deputo riminese del Pd Tiziano Arlotti è stato tra i firmatari della proposta di Legge (presentata il 4 maggio 2016) finalizzata proprio a favorire le rievocazioni storiche. "Si tratta di un passo molto importante - commenta l’on. Arlotti. - Il mondo legato alle manifestazioni, alle associazioni e, più in generale, alla rievocazione storica rappresenta le migliori e più antiche tradizioni popolari del nostro Paese. Si tratta di realtà uniche, che coinvolgono sia città di grandi dimensioni che piccoli comuni, riuscendo ad appassionare un numero sempre crescente di realtà culturali e una vasta e capillare rete di associazioni su tutto il territorio nazionale. Si tratta di eventi e di ricostruzioni che costituiscono una ricchezza enorme, autentici giacimenti culturali da sostenere e da promuovere, anche in considerazione della loro ricaduta economica e sociale. Proprio nei giorni di svolgimento delle manifestazioni storiche numerosi centri riescono a farsi scoprire da migliaia di persone, rievocando antiche tradizioni, vecchi mestieri e specialità enogastronomiche del passato. Tali iniziative permettono al cittadino e anche al turista di essere attratto e di visitare borghi di rara bellezza. È importante anche la ricaduta dal punto di vista economico: secondo le stime delle associazioni culturali che operano nel settore, queste manifestazioni registrano in media in tutto il Paese circa 25mila figuranti, a cui vanno aggiunti i tesserati e i simpatizzanti di associazioni senza scopo di lucro, contrade e rioni, per un numero di persone coinvolte che si avvicina alle 800mila unità".

La proposta di legge presentata tra gli altri dall’on. Arlotti, si poneva l'obiettivo di promuovere e di sostenere molte realtà che mirano a conservare e a tutelare le specificità culturali, storico-geografiche e linguistiche. In provincia di Rimini, tra le più importanti manifestazioni c’è “Il palio del daino” di Mondaino e la rievocazione dell’antica tratta della pesca. Inoltre, associazioni come la Legio XIII Gemina Rimini che ripropone eventi dedicati all’epoca romana, potranno usufruire del finanziamento. «Sono certo che questo incentivo - chiude Arlotti - sarà di stimolo per recuperare anche altri eventi nel nostro territorio».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ascensore precipita con le persone dentro: diversi i feriti

  • Muore sotto gli occhi del figlio, donna perde la vita investita da un'auto

  • La polizia di Stato si presenta alla festa abusiva nella villa in collina

  • Mitra e pistole, i rapinatori sequestrano i dipendenti della banca

  • Marquez-Rossi, clima infuocato a Misano. Lo spagnolo: "Io lotto per il Mondiale". La replica: "Mi ha ostacolato"

  • Vittorio Sgarbi promuove Gnassi, "lo avrei già nominato premier", e anticipa i progetti su Fellini

Torna su
RiminiToday è in caricamento