Elezioni, "Con #Riccioneprimaditutto mettiamo il lavoro prima di tutto"

"Anche molti Riccionesi, a dispetto dell'isola felice in cui qualcuno crede che viviamo, il 1 Maggio non avranno nulla da festeggiare"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RiminiToday

"Anche molti Riccionesi, a dispetto dell'isola felice in cui qualcuno crede che viviamo, il 1 Maggio non avranno nulla da festeggiare. Ho visto coi miei occhi aziende importanti chiudere i battenti in questi anni, e ho vissuto sulla mia pelle il dramma dei lavoratori e degli imprenditori che non possono più essere punto di riferimento per intere famiglie. Anche per questo ho accettato questa sfida, perché il Lavoro torni ad essere un bene comune e non un miraggio.

L'Italia è una Repubblica fondata sul Lavoro, a Riccione il Lavoro si fonda sull'industria turistica, che mette insieme sia gli operatori del settore sia chi ne cura le aziende, dai servizi alle manutenzioni e, nel caso, le trasformazioni. Come Nuovo Centro Destra siamo convinti che il Lavoro lo creino le imprese, il pubblico deve però agevolare le imprese e non bloccarle. Il nostro spirito è #sipuòfare, ovvero tutto quello che non è vietato, sarà concesso alle imprese, a tutte le imprese. Abbiamo dato concretezza alla parola "sburocratizzazione" mettendo nero su bianco, gli unici, l'obiettivo della "burocrazia zero" per imprese e cittadini. Nel nostro programma è specificato come intendiamo trasformare il Comune in un ente al servizio di tutti, con personale dedicato a "custumer service" che eviti ai cittadini di doversi recare in dieci uffici e produrre dieci documenti: un dipendente farà tutto per lui.

La burocrazia è un freno all'impresa, anche a Riccione, che vive di Turismo, il settore più veloce possibile per chi investe e che quindi non può perdere tempo in file e trafile. Ma tutto questo non basta: occorre dare un indirizzo a queste imprese e noi vogliamo ridare loro quella identità che ha reso Riccione e quindi tutte le sue attività, famosa nel mondo. La Spiaggia deve tornare al centro del progetto turistico, come strumento di Benessere. E le strutture turistiche devono potersi riqualificare, velocemente e senza costi aggiunti (leggasi iter burocratici infiniti).  Tutelare le nostre imprese è il primo obiettivo, rilanciarle e favorire l'apertura di nuove è il nostro programma: più imprese, più occupazione, più lavoro per gli artigiani e i servizi. #Sipuòfare".

Torna su
RiminiToday è in caricamento