Elezioni regionali, Pontis contro Petitti: "Promette miracoli ai commercianti dopo che il Pd li ha massacrati"

La candidata della Lega: "Dal 2011 hanno chiuso bottega in tutta la regione 32mila negozi, 5mila solo nel 2019. Per 75 anni il Pd ha governata la Regione e deciso tutto"

La candidata della Lega alle prossime elezioni regionali

"Eh no, cara Petitti. Lei non può venire a fare le prediche sul commercio dopo che voi del Pd l’avete distrutto. Mi riferisco ai negozi di vicinato, alle piccole botteghe dei centri storici: distrutti dall’avvento dei grandi centri commerciali che voi avete voluto. E ora ci viene a dire che vi impegnerete per aiutare i commercianti in difficoltà? Ma la coerenza ve la siete persa per strada”?.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Veronica Pontis, candidata della Lega alle prossime elezioni regionali, non ha affatto gradito quanto sostenuto dall’assessore regionale Emma Petitti, a proposito dei problemi del comparto commerciale. “Sono loro che fanno e disfano – prosegue – il Pd ci ha abituati a questo. Andare a cercare i voti dei piccoli commercianti dopo che li hanno massacrati è davvero poco gradevole. E lo fanno con la scusa
di dire che è stata sbagliata la politica del creare il grosso commercio a discapito del piccolo. Ma da quale pulpito viene la predica? Nelle nostre città, piccole o grandi che siano, assistiamo alla rovina dei piccoli negozi. Non lo dico io, ma ci sono i numeri a confermarlo espressi dalle parole di chi vive questi drammi. Dal 2011 hanno chiuso bottega in tutta la regione 32mila negozi, 5mila solo nel 2019. Per 75 anni il Pd ha governato la Regione, ha deciso tutto, ha prevaricato i piccoli per dare ai grandi e ora cosa ci viene a dire la Petitti?
Venga a sentire i negozianti della Valmarecchia e della Valconca o anche quelli di Rimini, ma nei centri storici dove ci sono più serrande abbassate che negozi aperti. Per cambiare – conclude la Pontis – è sufficiente fare un piccolo segno nella cabina elettorale. Mandiamo a casa la Petitti, Bonaccini e tutto il Pd perché è veramente ora di qualcosa di nuovo per la nostra Emilia-Romagna”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Party in spiaggia, due 15enni violentate dall'amico

  • Padre di famiglia cerca una lucciola ma si trova a letto con un trans, parapiglia nel residence

  • Forte vento e un veloce temporale faranno abbassare le temperature

  • La Guardia di finanza scopre una "furbetta" del reddito di cittadinanza: denunciata una 60enne

  • Si tuffa con gli amici ma non riemerge: dopo due giorni di agonia muore un ragazzo di 19 anni

  • Il marchio Cocoricò torna sotto la piramide: ad acquistare il brand Enrico Galli

Torna su
RiminiToday è in caricamento