Elezioni regionali: "Questura nell'ex caserma Giulio Cesare", l'attacco a Salvini

Il sindaco di Rimini contro il leader del Carroccio dopo il sopralluogo insieme a Bonaccini: "Ha fatto solo danni, a risolvere i suoi pasticci ci pensa adesso il Comune"

Il sindaco Andrea Gnassi ha accompagnato domenica il presidente uscente della Regione Stefano Bonaccini in un sopralluogo nei locali abbandonati della struttura di via Ugo Bassi, che sarebbe dovuta diventare la Cittadella della Sicurezza e finita invece nel degrado. Il sindaco ha annunciato che Questura, Guardia di Finanza e Polizia Stradale avranno la loro sede definitiva alla ex Caserma Giulio Cesare, recentemente lasciata dall’Esercito, grazie a un lavoro tra Comune, Regione, Ministero degli Interni e Ministero delle Finanze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Caserma Giulio Cesare, la storia e le foto

“Mi sarei aspettato che Salvini passasse qui in via Ugo Bassi – scrive su Facebook il sindaco Gnassi – per vedere i disastri che si è lasciato dietro da ministro. La lettera, i 30 fantomatici milioni e poi… chi si è visto si è visto. A risolvere i suoi pasticci ci pensa adesso il Comune di Rimini e i riminesi: abbiamo pensato e pagato noi la sede provvisoria. Abbiamo fatto noi l’accordo ora con i Ministeri dell’interno e dell’economia, con la Guardia di finanza e Polizia perché la caserma Giulio Cesare diventi cittadella della sicurezza, una sede permanente di Questura, Finanza e Polizia Stradale.
Lasciare un altro sito dello Stato abbandonato, con lo stesso Stato costretto a pagare affitti per altre sedi a privati: ecco il capolavoro di Morrone e Salvini. Sono venuti qui, hanno promesso 30 milioni per via Bassi, mi hanno scritto una lettera che ci saremmo visti per risolvere la questione della sede definitiva, hanno provato a intestarsi il merito della sede provvisoria, liberata da noi e finanziata da noi e sono persino contemporaneamente venuti ad annunciare l’abbandono della Giulio Cesare senza fare una proposta sul suo possibile utilizzo. Capisco gli annunci e le passerelle, ma i problemi bisogna risolverli e non lasciarli sulla testa dei cittadini, facendo solo promesse all’aria e campagna elettorale permanente”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Party in spiaggia, due 15enni violentate dall'amico

  • Padre di famiglia cerca una lucciola ma si trova a letto con un trans, parapiglia nel residence

  • Forte vento e un veloce temporale faranno abbassare le temperature

  • Scontro frontale tra due auto, 6 feriti. Mamma e figlia di 5 anni gravi al "Bufalini"

  • Si tuffa con gli amici ma non riemerge: dopo due giorni di agonia muore un ragazzo di 19 anni

  • La Guardia di finanza scopre una "furbetta" del reddito di cittadinanza: denunciata una 60enne

Torna su
RiminiToday è in caricamento