Famiglia di albergatori evasori totali, Sensoli (M5S): "Tante le criticità nel settore alberghiero"

Il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle interviene all'indomani dell'arresto degli imprenditori riminesi

“L’operazione della Guardia di Finanza che ha permesso di portare alla luce una maxi frode fiscale nel settore alberghiero conferma che le tante criticità che in questi anni abbiamo evidenziato all’interno del mondo turistico riminese erano più che fondate. Il nostro plauso va agli uomini della Finanza che, conducendo un’azione coordinata con INPS ed Agenzie delle Entrate, sono riusciti a smascherare questa frode”. È questo il commento di Raffaella Sensoli, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, in merito all’inchiesta che ha portato all’arresto un’intera famiglia di albergatori accusati di aver architettato una maxi evasione fiscale. “Con il M5S al governo chi lavora per la legalità e per la corretta concorrenza avrà sempre un sicuro alleato – aggiunge Raffaella Sensoli – Quella della trasparenza e della lotta all’illegalità nel settore turistico è una battaglia verso cui siamo sempre stati impegnati con il nostro lavoro in Regione e che è necessario mettere al centro anche del nostro futuro impegno. Individuare i responsabili di chi si macchia di azioni criminose, anche sul piano fiscale, diventa di fondamentale importanza per tutelare soprattutto il lavoro di tutti gli altri albergatori che con onestà e spirito di sacrificio portano avanti la propria attività”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stroncato da un malore durante la partita di calcetto muore a 28 anni

  • Risotto coi funghi velenosi: muore dopo una settimana di agonia

  • Il Cocoricò riapre le porte con un nuovo gestore: "Inaugureremo a Pasqua e ci saranno grandi eventi"

  • Valerio Braschi pronto ad aprire il suo ristorante: il campione di Masterchef cerca personale

  • Amazon a Santarcangelo, il colosso dell'e-commerce ha aperto i battenti

  • Il caffè troppo "nero" di un imprenditore: scoperta evasione per tre milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento