Galli (Lega): “Immigrazione, Questura e tanto altro, i continui scivoloni del sindaco Gnassi"

Il segretario del Carroccio non fa sconti al primo cittadino di Rimini: prima di parlare "avrebbe dovuto riflettere di più”

“Un vuoto abissale. Quello del Pd a ogni latitudine, ma in particolare a Rimini. E nella confusione che regna in casa cattodem ogni occasione è buona per abbaiare contro la Lega e contro il suo leader, Matteo Salvini, con modi davvero poco degni per un partito che si fregia molto impropriamente dell’aggettivo ‘democratico’”. Il segretario riminese della Lega, Bruno Galli, non fa sconti al sindaco Andrea Gnassi che, in questi giorni, “si è lasciato andare a esternazioni su cui avrebbe dovuto riflettere di più”. “Sul tema immigrazione Gnassi non ne azzecca una. Dopo averla chiamata per lungo tempo una risorsa, nei giorni scorsi l’ha definita una ‘bomba’. Pronta a deflagrare, è l’inevitabile conclusione. Insomma, una giravolta che dimostra il vuoto di questa classe dirigente Pd che non ha più identità e che non comprende cosa significhi effettivamente situazione di emergenza. L’emergenza non sono i porti giustamente chiusi al traffico di carne umana. Emergenza sono i milioni di italiani in situazione di povertà, emergenza sono i senza tetto dei luoghi terremotati, emergenza sono le vittime dei criminali che solo la nuova legge sulla sicurezza, così boicottata dal Pd, tenta concretamente di contrastare. Ho un’esperienza lavorativa di anni nel settore emergenza e la prima cosa che ho imparato è che bisogna essere certi, prima di intervenire, di risultare utili a risolvere il problema. Credo sia evidente che il nostro paese fortemente antropizzato e con una situazione di emergenza lavorativa e rischio povertà per tanti cittadini (eredità dei passati governi tecnici e Pd) non può accogliere chiunque voglia accedervi irregolarmente, soprattutto non può aprire i confini e mantenere migliaia e migliaia di stranieri che non hanno alcun diritto allo status di profugo. Abbiamo già dato. Troppo. E’ ora di ritornare a governare con pragmatismo e realismo le emergenze e, fra queste, l’immigrazione irregolare".

"Un altro grosso scivolone di Gnassi è stato sulla vicenda della Questura. Sono state fatte ricostruzioni fantasiose, saltando quelle fasi che avrebbero dimostrato responsabilità e carenze da parte delle amministrazioni riminesi. Non mi sembra, tra l’altro, che il sindaco abbia citato un passaggio del ‘Patto per la sicurezza’, di cui è primo firmatario. All’articolo 16, infatti, si legge testualmente ‘...è individuata una soluzione transitoria da realizzarsi nei locali siti in piazzale Alessandro Bornaccini, presso i quali dovrà trovare sistemazione, già entro il 28 febbraio 2018 l'ufficio immigrazione della Questura, al fine di scongiurare disservizi e garantire la continuità delle attività". Dunque anche Gnassi non può scaricare su altri le proprie inadempienze. Ai suoi vuoti proclami, il governo risponde con i fatti. E allora il sindaco lasci lavorare chi sa farlo, sull’immigrazione, come sulla sicurezza e sulla vicenda della Questura. Vedrà che i problemi e le emergenze si risolveranno”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Roberto Casadei, un cantore della Romagna

  • Stroncato da un malore durante la pedalata, ciclista perde la vita in strada

  • Picchiata dal marito costretta a un escamotage per chiedere aiuto ai carabinieri

  • Guida senza patente e fornisce le generalità della gemella sperando di farla franca

  • Sesso a tre col transessuale finisce a sassate, nei guai coppia di fidanzati

  • Sieropositivo faceva sesso con diverse donne conosciute in chat, una è stata infettata: arrestato

Torna su
RiminiToday è in caricamento