I grillini dichiarano guerra al "Fellini": "Risultati deludenti nonostante gli aiuti pubblici"

Attacco di Raffaella Sensoli contro Airiminum sulla gestione dello scalo riminese che, per l'esponente dei 5 Stelle, stenta a decollare

“Non è vero che il Fellini non abbia mai goduto di contributi pubblici come sostengono i vertici di AiRiminum. Per esempio, attraverso i contratti di co-marketing realizzati dalla Regione tramite APT, è stato permesso a tour operator di realizzare viaggi e soggiorni che hanno portato diversi charter a Rimini. Ma nonostante questi aiuti, i risultati per il nostro aeroporto non possono di certo definirsi soddisfacenti”. È questo il commento di Raffaella Sensoli, capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle, riguardo alle recenti polemiche che hanno riguardo l’aeroporto Fellini di Rimini. “Purtroppo Il 2018 si apre con un’altra perdita per l’aeroporto vale a dire con la probabile scomparsa dei voli Ural da alcune destinazioni russe e dalla Lituania, che si sposterebbero a Bologna, con il possibile esito di vedere ancora stagnare i risultati in termini di movimenti del Fellini – spiega Raffaella Sensoli - I dati dell’Assoaeroporti parlano di 297mila passeggeri nel periodo gennaio-novembre 2017, comprensivi di arrivi e partenze, così che le persone arrivate in aereo a Rimini sono circa 150.000. Numeri incredibilmente più bassi di quelli indicati nel progetto che ha portato all’assegnazione da parte dell’Enac della gestione del Fellini ad AiRiminum. Numeri più bassi anche di quelli della gestione transitoria affidata all’Aeroclub dopo il fallimento Aeradria. Numeri però comprensivi dell’effetto determinato dal supporto pubblico goduto da AiRiminum, visto che la Regione ha realizzato, tramite APT, un’operazione di co-marketing rivolta a tour operator che realizzano viaggi e soggiorni con destinazione nella nostra regione”.

Si tratta di due progetti che hanno visto impegnati operatori con destinazione di charter a Rimini per oltre 23mila arrivi quindi più del 15% degli arrivi totali del Fellini. “Alla luce di questi dati crediamo che non sia esatto sostenere che il Fellini non abbia beneficiato di contributi pubblici – conclude Raffaella Sensoli - È evidente che siamo lontanissimi dai risultati attesi e che la Regione e gli enti locali dovrebbero potere contare su partner affidabili, competenti ed efficaci. I risultati però dicono cose diverse. Ed è per questo che noi chiediamo di rimettere mano alle competenze della Regione in materia di aeroporti e di evitare che i vizi privati divengano guai per tutta la comunità locale ed il nostro turismo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vittima dei truffatori: "Mi sono fatto fregare da una banda di quaquaraquà"

  • Il suo cuore si spegne davanti agli occhi degli amici: muore a 22 anni

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta davanti al ristorante

  • Coronavirus, i contagi tornano a salire: 12 nuovi casi

  • Schianto tra due centauri, uno si "infila" nella cuspide piena d'acqua

  • Colpo al traffico di "bianca": arrestato pusher con più di 300 grammi di cocaina

Torna su
RiminiToday è in caricamento