Malattie allergiche, Piva e Carini (Pd): “Valorizzare prevenzione”

"Il coordinatore degli allergologi dell'Emilia-Romagna, a nome di tutti gli Allergologi operanti in regione, ha denunciato la necessità che vengano, sia pur brevemente, riconosciute e menzionate nel nuovo piano socio sanitario"

“Il coordinatore degli allergologi dell’Emilia-Romagna, a nome di tutti gli Allergologi operanti in regione, ha denunciato la necessità che vengano, sia pur brevemente, riconosciute e menzionate nel nuovo piano socio sanitario regionale 2011-2013, attualmente in fase di preparazione, quelle patologie ad ampio impatto sociale quali le malattie allergiche, che colpiscono 1/3 della nostra popolazione”.

È quanto segnalano Roberto Piva e Marco Carini, del Pd, in un’interrogazione presentata alla Giunta regionale per sapere quali misure intenda intraprendere per valorizzare la prevenzione delle patologie respiratorie croniche e delle malattie allergiche e cosa si intenda fare per favorire il connubio tra gli allergologi ed i medici ospedalieri.

Nel documento i consiglieri fanno presente che parallelamente all’emergere di patologie respiratorie croniche si afferma la necessità di individuare e prevenire attraverso la profilassi ambientale e farmacologica i bambini con vere patologie pneumologiche potenzialmente evolutive. In quest’ottica – sostengono - è opportuno valorizzare l’offerta diagnostica ed assistenziale sul territorio, valorizzare ed estendere l’utilizzo di percorsi diagnostico terapeutici (Pdt) per il bambino con asma, attivare strumenti per intercettare già nell’età precedente i 18 anni i casi che possono preludere alla broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco) e facilitare l’uso dei presidi realmente preventivi quali l’immunoterapia allergene-specifica”.

Sempre per quanto riguarda il campo di intervento degli allergologi, gli esponenti del Pd ricordano che le più rare, ma più temibili, evenienze anafilattiche da allergia a imenotteri, a farmaci e ad alimenti rappresentano il rischio maggiore per i pazienti e necessitano invariabilmente di accesso in Pronto Soccorso e di ricovero osservazionale breve, con conseguente importante impiego di risorse sanitarie. "La figura dell’allergologo – osservano Piva e Carini - è in questi casi ovviamente insostituibile, per impostare una corretta diagnosi e terapia al fine di prevenire le recidive di tali eventi, a rischio di vita, per ridurre la inappropriatezza di successivi accessi, in caso di percorsi non stabiliti, infine per assegnare ove necessario il presidio salvavita con adrenalina autoiniettabile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Litigano per una donna davanti all'Arco d'Augusto: spuntano bastoni e cocci di bottiglia, due feriti

  • Lavoro stagionale, le figure più ricercate e i consigli dei Centri per l'impiego

  • Il coronavirus uccide altre due anziane. Due nuove positive al covid: erano asintomatiche

  • Grave incidente nella notte, un ferito ricoverato in Rianimazione

  • Trucca lo scontrino per pagare meno la spesa, denunciato per truffa

  • Covid-19, altri 19 guariti. Cinque nuovi contagiati: i positivi totali sono 163

Torna su
RiminiToday è in caricamento