Migrante malato di Tbc, Bignami (Fi): “misure di controllo sanitario in tutti i luoghi di accoglienza"

Il consigliere regionale di Forza Italia interviene sul caso scoperto a Rimini di un 18enne affetto da tubercolosi

“Intervenire con efficienti misure di controllo sanitario in tutti i luoghi di accoglienza di profughi e immigrati”. È Galeazzo Bignami di Forza Italia a presentare un’interrogazione alla Giunta regionale sul caso del “profugo diciottenne risultato positivo al test della tubercolosi dopo aver risieduto per mesi nel territorio riminese”. Il consigliere, in particolare, richiede “controlli sanitari a tutti gli immigrati che vengono trasferiti in Emilia-Romagna, non avendo alcun tipo di garanzia che questi accertamenti vengano fatti al momento dell’accoglienza”. Il giovane migrante, si legge nell’atto ispettivo, è stato ospitato, fino a gennaio, in una struttura d’accoglienza a Rimini. Alcune patologie, tra le quali la tubercolosi, sottolinea infine Bignami, stanno tornando anche in Italia, “a causa della indiscriminata accoglienza e delle pressoché inesistenti misure rivolte alla sicurezza sanitaria”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sbalzato dal calesse trainato dal cavallo imbizzarrito: panico durante i festeggiamenti

  • Cronaca

    Aggredito sotto casa con lo spray al peperoncino e rapinato

  • Cronaca

    In 10mila sulla spiaggia del Bikini di Cattolica per la serata con Ralf

  • Cronaca

    Il nuovo Direttivo della Pro Loco di San Giovanni in Marignano si è presentato all’Amministrazione

I più letti della settimana

  • "I passeggeri filmavano col cellulare l'agonia del ragazzo investito dal treno"

  • Dramma sui binari: ragazzo travolto da un treno nella stazione di Riccione

  • Sbalzato dal calesse trainato dal cavallo imbizzarrito: panico durante i festeggiamenti

  • Costretta a vivere con un campo nomadi di fronte a casa, lo sfogo di una riminese

  • Individuati ed arrestati gli autori della sparatoria di Santarcangelo

  • Sesso, prostituzione e ricatti: un filo lega l'omicidio di Makha Niang ai due albanesi arrestati

Torna su
RiminiToday è in caricamento