Elezioni regionali, Pontis: "Gli autisti scioperano anche perché il Metromare non è sicuro"

"Il pastrocchio ormai è fatto. Mi vengono i brividi nel pensare che questo tracciato lo vogliono portare fino a Cattolica e Misano"

Trasporti e sicurezza, la candidata Lega alle elezioni regionali Veronica Pontis interviene sul motivo dello sciopero degli autisti di Start. "Leggo che gli autisti di Start Romagna nel motivare le ragioni dello sciopero di 4 ore di domani mattina indicano nella pericolosità del tracciato del Metromare uno dei problemi più seri che si trovano ad affrontare ogni giorno. Questo conferma tutti i miei dubbi. Il Metromare, così come è stato concepito, è un progetto assolutamente inutile: ha solo portato via un’enormità di soldi pubblici travestendo i vecchi bus con livree costate decine di migliaia di euro, devastato il territorio specie nella zona sud della provincia e creato un doppione del trasporto pubblico che già esisteva. Confermo pertanto la mia assoluta contrarietà. Mi vengono i brividi nel pensare che questo tracciato lo vogliono portare fino a Cattolica e Misano: non esiste una possibilità del genere con un progetto come questo. Per allungare più a sud il Metromare bisogna studiare un nuovo progetto che con quello attuale non deve avere nulla a che fare. Ribadisco: se gli autisti si sono fermati per protesta contro il Metromare nel giorno d’inizio della più grande fiera dell’anno a Rimini, il Sigep, un motivo deve esserci. E a nulla servono le spiegazioni di Start. Il pastrocchio è fatto, ormai".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli amici del bar non lo vedono da giorni, ritrovato cadavere in casa

  • Vent'anni fa l'arrivo dal Senegal, la sfida di Sonia: "Apro la mia trattoria romagnola"

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, prevenzione e modalità di trasmissione

  • Coronavirus, il presidente Bonaccini: "Stiamo valutando la chiusura di asili nido, scuole, impianti sportivi e musei"

  • Vasco Rossi si fermerà a Rimini per venti giorni: le date del "soggiorno"

  • Il Comune pronto a demolire balconi trasformati in verande e sale da pranzo coperte

Torna su
RiminiToday è in caricamento