Nasce Italia Viva in Consiglio, Pecci (Lega): "Sindaco come in Parlamento, ostaggio dei renziani"

"Da domani le scelte riminesi saranno subordinate alle decisioni di un Patto Civico che in consiglio comunale, negli ultimi tre anni, ha dimostrato incapacità, assenza di idee"

"La notizia della nascita del gruppo Italia Viva-Patto civico che "ingaggia" due consiglieri PD (Bellucci e Vinci) sembra una operazione di restyling politico in seno al consiglio comunale, ma nella realtà questa operazione cambia la geografia consiliare ed indebolisce seriamente la Giunta Gnassi. La "furbizia" elettorale di Patto civico, che ha fatto vincere Gnassi, traghettando i voti del centro-destra nella sinistra, ora diventa un "pegno" per lui e per la sua Giunta dato che, da domani, non potrà più contare sulla folta compagine PD. Anche a Rimini è successo quello che è accaduto in Parlamento ove la maggioranza di governo è subordinata alle decisioni di Matteo Renzi": è la riflessione di Marzio Pecci della Lega Nord.

"Da domani le scelte riminesi saranno subordinate alle decisioni di un Patto Civico che in consiglio comunale, negli ultimi tre anni, ha dimostrato incapacità, assenza di idee e piaggeria verso il sindaco. Oggi non possiamo immaginare il contributo che porteranno le due consigliere ingaggiate:  Barbara Vinci e Giorgia Bellucci, ma ciò che risulta evidente è che la situazione è sfuggita di mano al Sindaco Gnassi che, in una notte, è diventato "ostaggio" del neonato gruppo Italia Vivo-Patto Civico, che a Rimini è sinonimo di incapacità e incompetenza.Per questo il finale di legislatura si svolgerà all'insegna della gestione ordinaria che lascerà irrisolti i grandi nodi cittadini: sviluppo del turismo storico-culturale, sviluppo del turismo ambientale, piano spiaggia, mobilità, piano del traffico, centro storico, agricoltura, aeroporto, autostrada con Venezia, Alta Velocità ecc. ecc.", è l'idea di Pecci.

"A questo punto, visto che il Sindaco è sempre assente dai consigli comunali, che il Presidente del Consiglio comunale, dopo il voto di sfiducia ha perso autorevolezza ed è una anatra zoppa, che il capogruppo del PD è silente da sempre, che la Magistratura ha procedimenti in corso sarebbe auspicabile, per il bene della città, un azzeramento della legislatura per andare, al più presto, al voto e ripartire con una nuova amministrazione, magari di centrodestra, capace di dare nuovo slancio alla città".                                                     

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresa al ristorante: arrivano gli ospiti di 'Ballando con le Stelle'

  • Spaccata nella boutique, razzia di costosi capi di abbigliamento e borse griffate

  • Insieme nella vita e nel lavoro, marito e moglie riaprono il supermercato in via della Fiera

  • Fratelli separati alla nascita, la sorella scomparsa riappare a Cattolica dopo 50 anni

  • Un locale del Borgo San Giuliano premiato tra i migliori 50 ristoranti low cost d'Italia

  • Investe una donna con i suoi tre cani sulle strisce pedonali e scappa: è caccia al pirata

Torna su
RiminiToday è in caricamento