Nominata la segreteria provinciale del Partito Democratico riminese

Stefano Giannini, segretario provinciale del Pd: "La scelta è fedele ai criteri che mi ero dato quando ho proposto la mia candidatura"

E' stata nominata dal segretario provinciale del Partito Democratico, Stefano Giannini, la segreteria provinciale del Pd. Ne fanno parte Giulia Corazzi vicesegretaria, rapporto con articolazioni del partito, pari opportunità di genere, riforme istituzionali di enti locali e Regione. Riccardo Fabbri: rapporti con articolazioni partito, rapporto con i sindacati, lavoro. Giorgia Bellucci: coordinamento segretaria. Mattia Morolli: scuola università cultura, innovazione, smart city. Marcella Bondoni: Turismo, destinazione Romagna. Jamil Sadegholvaad: Imprese, commercio, sicurezza. Cristina Ferri: valorizzazione del’entroterra, GAL Vamarecchia e Valconca. Filippo Sacchetti: servizi idrico e rifiuti, ambiente, patto dei sindaci, sanità. Jessica Delbianco: comunicazione, social media in staff con i GD. Alex Urbinati: mobilità, viabilità, trasporti pubblici, assetto del territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La scelta è fedele ai criteri che mi ero dato quando ho proposto la mia candidatura - ha spiegato Stefano Giannini - ampio rinnovamento generazionale (ci sono 4 membri che sono iscritti ai Giovani democratici), valorizzazione delle competenze con particolare riferimento alle politiche di area vasta e assegnazione a ciascun membro di specifici dossier. Inoltre parità di genere e, considerato l’ampio consenso di cui ha beneficiato la mia candidatura, rispetto delle sensibilità politiche che si esprimono nel partito. A riguardo, alcune ricostruzioni giornalistiche apparse in questi giorni descrivono un partito dilaniato da ripicche, veti, liti. Che il Partito Democratico sia un partito ampio e plurale che ha una discussione al suo interno a volte accesa, talvolta anche troppo, è un dato di fatto; ma questa è una considerazione ovvia: un partito democratico discute e la politica si accende con le passioni; se non ci sono altri partiti che offrono spunti di interesse per la stampa ciò dipende dalla semplice ragione che il PD, per fortuna nostra, è l’unico vero partito che c’è oggi sulla piazza, che fa congressi ed elegge la sua classe dirigente con la partecipazione, che fa una conferenza programmatica per ragionare sulle necessità della sua comunità, che valorizza un movimento giovanile. In ogni caso per la segreteria non ho avuto veti ma consigli e proposte, che ho liberamente valutato e in parte accolte secondo le necessità operative che ritenevo più opportune, che sono a loro volta liberamente opinabili, ma che sono di mia responsabilità.  La direzione, che sarà proposta alla prossima assemblea congressuale del 4 dicembre, è invece frutto pieno dello spirito unitario che ha contraddistinto questi ultimi due mesi e rispetterà con particolare attenzione le mozioni di minoranza. Quindi nessuno sbandamento ma qualche discussione in un partito vivace che è consapevole delle prossime importanti scadenze e della necessità di essere orgogliosamente presente e protagonista nella sua comunità".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bagno in mare all'alba, una ragazzina muore annegata

  • Spot choc a danno della Riviera per promuovere la Calabria, rispetto al nord a rischio Covid

  • Suv tira dritto alla rotatoria, mamma e figlio in scooter centrati in pieno

  • Tragedia sulle strade, militare di stanza a Rimini perde la vita con la figlia 13enne

  • Notte Rosa, svelate le anticipazioni sull'edizione 2020

  • Forte vento e un veloce temporale faranno abbassare le temperature

Torna su
RiminiToday è in caricamento