Pennabilli ritira i consiglieri dall'Unione dei Comuni: "Servizi inesistenti e spese aumentate"

Pennabilli rimarrà momentaneamente all’interno dell’Unione fino a conclusione della valutazione iniziata per riprendere alcune funzioni in proprio o addirittura per l’uscita completa

L’Amministrazione Comunale di Pennabilli ha deliberato il ritiro dei propri rappresentanti in seno al Consiglio dell’Unione dei Comuni. Pennabilli rimarrà momentaneamente all’interno dell’Unione fino a conclusione della valutazione iniziata per riprendere alcune funzioni in proprio o addirittura per l’uscita completa.

"Questa decisione è scaturita a causa della grave situazione in cui versa l’Unione - spiega il sindaco Mauro Giannini - Un’Unione che, come gli Amministratori Pennesi avevano già previsto prima della loro elezione, purtroppo non riesce a dare benefici ai Comuni che ne fanno parte. Molteplici sono i motivi a iniziare dal fallimento delle finalità previste dal suo Statuto, cioè il miglioramento dell’efficienza e dell’efficacia delle funzioni e dei servizi. Al contrario troviamo molti servizi inefficienti, alcuni inesistenti, alcuni farlocchi e le spese sono aumentate nonostante la previsione di non superare la spesa storica. I bilanci non sono trasparenti e quindi indecifrabili, centri di costo che variano da un giorno all’altro senza motivo portando i Comuni a pagare non si sa cosa. Un’Unione formata da Comuni non omogenei e quindi con esigenze diverse. Un’Unione che riserva trattamenti diversi da Comune a Comune. Consiglieri discriminati per le quote voto che portano i Comuni più piccoli a non contare nulla in sede di decisioni. Il Consiglio è divenuto puro strumento politico dove addirittura alcuni Consiglieri che hanno vinto le elezioni nei propri Comuni diventano consiglieri di minoranza e, al contrario, coloro che le hanno perse diventano di maggioranza e spesso spostano lo scontro politico esistente nei propri Comuni, all’interno dell’Unione stessa. Con tutti questi ingredienti il piatto è servito, anzi, la frittata è fatta. Spero che anche gli altri sindaci si rendano conto dell’importanza di rivedere tutta l’organizzazione. Anche se ritengo che i veri Comuni Montani siano solo tre, Pennabilli, Casteldelci e Sant’Agata Feltria, auspico che si possa arrivare a un unico ambito con i sette Comuni dell’Alta Valle, ma organizzato tramite “Convenzioni” e non “Unione”. Non servono doppi bilanci, non servono doppie strutture, ma doppia efficienza e doppi risparmi".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Gambalunga in festa, il sindaco: "Biblioteca è una piazza, antidoto all'algoritmo e alla bestia"

  • Cronaca

    Spaccata nel negozio di marijuana legale, in "fumo" tutta la merce

  • Cronaca

    Dinner in the sky, dopo lo stop atteso il via libera della commissione

  • Cronaca

    Incidente tra auto e scooter, ad avere la peggio il centauro

I più letti della settimana

  • Gruppo di baby calciatori a Rimini per un torneo "festeggia" la Pasqua in ospedale

  • Squadra di baby calciatori in ospedale, individuato il virus che ha colpito i ragazzini

  • Si schianta contro un'auto sull'Adriatica: motociclista in gravi condizioni

  • Pace fiscale: pochi giorni per ottenere la falcidia dei debiti Equitalia

  • Ordinanza balneare 2019: stop a sigarette, plastica e cani sulla battigia

  • Mancano le autorizzazioni, salta l'inaugurazione del Dinner in the sky

Torna su
RiminiToday è in caricamento