Elezioni a Riccione, Tosi: "Per l'Arma occorre una nuova sede idonea"

"Una questione ormai improcrastinabile per la quale mi adopererò affinchè, come concordato con l'Arma, la nuova caserma abbia un'adeguata sede in via Cortemaggiore nello spazio antistante gli ex uffici dell'Ausl", afferma Tosi

"Il grande e capillare sforzo svolto dalle forze dell’ordine per garantire sicurezza a cittadini e turisti richiede le giuste condizioni per svolgere un lavoro delicato e impegnativo 365 giorni l’anno. Consapevole dell’urgenza nella quale versa la caserma dei Carabinieri di Riccione da molti anni, faccio mio e comprendo appieno, l’appello lanciato dal Consiglio centrale di rappresentanza dell’Arma sulla inderogabile necessità di avere una nuova sede idonea alle esigenze dei militari dell’Arma". E' quanto afferma il candidato della coalizione di centrodestra, Renata Tosi. "Una questione ormai improcrastinabile per la quale mi adopererò affinchè, come concordato con l’Arma, la nuova caserma abbia un’adeguata sede in via Cortemaggiore nello spazio antistante gli ex uffici dell’Ausl - chiosa Tosi -. Nessuna promessa elettorale perchè l’urgenza di risolvere e dare al più presto una ‘casa’ adeguata ai nostri Carabinieri è doverosa per una città che, specie in estate, richiede il massimo lavoro, quindi con mezzi e strutture adeguate anche dal punto di vista logistico". 

EX COLONIA REGGIANA - Tosi interviene anche sulla questione delle ex coloni, in particolare per la ex colonia Reggiana oggetto di un recente controllo e sequestro effettuato dal reparto aeronavale della Guardia di Finanza: "Mi preme sottolineare che interverremo immediatamente per riportare l’area ad una situazione decorosa dal punto di vista ambientale. Sottolineo altresì che per la stessa Reggiana siamo intervenuti più volte con  la società alla quale è stato rilasciato il permesso di costruzione e riqualificazione per evitare situazioni di incuria e mantenere la pulizia della zona, mentre per l’area di nostra pertinenza siamo intervenuti direttamente per sistemare e ripulire dove necessario. Nessuna intenzione di abbassare la guardia per evitare situazioni di degrado ed abbandono".

"Il recupero della ex Reggiana deve essere avviato, così come intendo riprendere in mano il futuro delle altre colonie di proprietà privata dislocate tra il Marano e la zona sud della città - prosegue il candidato sindaco -. All’inizio di quest’anno ebbi un incontro in Prefettura con i rappresentanti delle Forze dell’Ordine e i proprietari delle strutture in stato di abbandono. Nonostante i controlli siano ripetuti e costanti per liberare gli edifici da occupanti abusivi e nonostante le operazioni di bonifica siano frequenti, frutto di sollecitazioni e atti di diffida dal Comune ai proprietari o alle società intestatarie, non nascondo che occorre trovare una soluzione radicale quale la demolizione dei fabbricati. Sono convinta che queste situazioni non debbano più essere tollerate, un riassetto delle proprie competenze nella partecipazione alla risoluzione di questa problematica è più che mai necessaria. Da parte nostra, riprenderemo ogni contatto per migliorare il decoro di queste strutture e riannodare i fili con le proprietà per procedere al recupero".

SOTTOPASSO VIALE CECCARINI - "La cura del bello, l’attenzione per il verde e una bella progettazione rivolta ad un’architettura gradevole e funzionale il più possibile per i cittadini e gli operatori che si trovano al di sopra della ferrovia, sono gli elementi caratterizzanti del nuovo sottopasso di viale Ceccarini - evidenzia Tosi -. La deturpazione che il Trc e il suo muro di cemento hanno causato alla città non ci ha impedito, anzi spronato, a ricercare la soluzione meno impattante per la realizzazione dello sfondamento del sottopassaggio di collegamento tra le parti mare- monte di un punto nevralgico e centralissimo quale è viale Ceccarini. Luogo di passaggio obbligato che abbiamo voluto molto luminoso, di facile accesso, con un design e un’architettura piacevole. Ogni dettaglio fino alla scelta dei colori e delle piastrelle di rivestimento verrà scelto con cura. Il bello e la qualità per contrastare lo sfregio di un’opera imposta nel cuore turistico della città".

"Commercianti, operatori, residenti verranno naturalmente coinvolti in incontri specifici per concordare tempi e modalità di realizzazione dei lavori che , vorrei ricordare prevedono la prosecuzione direzione mare-monte in interrato in via dei Mille per risalire con due ingressi lato Cattolica, nel Parco Giovanni Paolo II e lato Rimini sul marciapiede antistante il ristorante Kalamaro - prosegue il candidato sindaco -. Il progetto consta di rampe a larghe sezioni con pendenze agevoli per condurre comodamente biciclette a mano, senza la presenza invasiva di ascensori. Verrà inoltre prolungato un nuovo marciapiede ciclopedonale in viale dei Mille utilizzando gli stessi materiali utilizzati per la pavimentazione del sottopasso così da renderlo omogeneo e più bello esteticamente. Siamo una città turistica e attrattiva, abbiamo il dovere di presentare interventi, opere e progetti, che rendano la qualità dei servizi e delle infrastrutture rinnovate senza snaturarne le sue caratteristiche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbornia di San Valentino, fermata una dottoressa ubriaca fradicia alla guida: ritirate 18 patenti

  • Vasco Rossi torna a maggio in Riviera per le prove del suo nuovo tour

  • Dramma in stazione, giovane si lancia contro il treno: modifiche alla circolazione

  • Picchiata e costretta a un rapporto sessuale nel parcheggio della discoteca, il bruto arrestato

  • Avvelena il proprio cane con del topicida, il sadico proprietario denunciato

  • Macabra scoperta, ritrovato cadavere nel porto

Torna su
RiminiToday è in caricamento