Treni, la Regione scrive all'ad di Trenitalia Moretti

La cancellazione di molti treni notturni con servizio di wagon lits, decisa “unilateralmente” da Trenitalia, è stata al centro di un’interrogazione a risposta immediata rivolta dalla consigliera regionale Monica Donini

La cancellazione di molti treni notturni con servizio di wagon lits, decisa “unilateralmente” da Trenitalia, è stata al centro di un’interrogazione a risposta immediata rivolta dalla consigliera regionale Monica Donini (FdS) alla Giunta regionale. La scelta di Trenitalia, - ha detto Donini - oltre a rappresentare un danno per gli utenti, ha determinato la perdita di lavoro per oltre 800 persone, che, di fronte alla mancanza di prospettive occupazionali, hanno intrapreso forme di protesta, in alcuni casi “estreme”, in molte città”.

“A Milano, per esempio, i lavoratori sono saliti su una torre faro della stazione per sollecitare attenzione e ottenere l’impegno delle istituzioni a sostegno della loro vertenza”, ha aggiunto Donini, che ha quindi chiesto alla Giunta dell’Emilia-Romagna di sollecitare formalmente i vertici di Trenitalia a concretizzare gli impegni assunti, per ora, solo verbalmente.

La Regione Emilia-Romagna è senz’altro solidale con i lavoratori della wagon lits - ha risposto l’assessore alle attività produttive Gian Carlo Muzzarelli - e disponibile a fare la propria parte. Due, a parere di Muzzarelli, gli aspetti “degni della massima attenzione”: il primo riguarda i lavoratori coinvolti e la necessità che l’AD di Trenitalia, Mauro Moretti, mantenga l’impegno annunciato pubblicamente di ricollocarli entro 24 mesi, impegno che deve tradursi in un piano “concreto e verificabile” da parte dei sindacati e dei lavoratori.

Il secondo aspetto riguarda il lavoro svolto dalla Regione per integrare il servizio ferroviario regionale con i servizi di rango nazionale: questa integrazione - ha detto - è attuata per sostenere le esigenze dell’utenza regionale e quindi occorre evitare il rischio che venga dequalificata da provvedimenti unilaterali di Trenitalia. In diverse occasioni, la Regione ha ridotto il danno, ma le sue possibilità “non sono infinite”.
Occorre quindi - ha aggiunto l’assessore - che il Governo, sia come regolatore, che come socio di Trenitalia, si faccia carico di trovare soluzioni adeguate ai servizi di lunga percorrenza e all’indispensabile integrazione con il servizio ferroviario regionale
. La risposta data in aula - ha concluso Muzzarelli - sarà inviata con lettera sia all’AD di Trenitalia, sia al ministero delle Infrastrutture e trasporti.

Donini si è dichiarata soddisfatta dalla risposta: permangono, tuttavia, - ha sottolineato - tutte le preoccupazioni per le condizioni che si sono venute a creare con la decisione unilaterale di Trenitalia. “La soppressione dei treni notturni a lunga percorrenza con servizio di wagon lits determina seri problemi per l’utenza anche in Emilia-Romagna per il taglio di un servizio utile – ha affermato l'esponente di FdS -. Ancora di più sta provocando gravi ricadute sui lavoratori considerati in esubero, oltre 800, molti dei quali emiliano-romagnoli. La vicenda riguarda quindi anche il mondo del lavoro regionale: questi lavoratori, infatti, si trovano in una situazione, dopo la decisione di Trenitalia, che li lascia senza prospettive”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Nelle settimane scorse Moretti, l’AD di Trenitalia, in un’intervista televisiva si è impegnato verbalmente a trovare una soluzione per i lavoratori. Purtroppo non ha ancora dato seguito agli impegni verbali, non esistono, a quanto è dato di sapere, un piano, né una trattativa aperta con i sindacati, né proposte concrete – ha continuato Donini -. I lavoratori hanno deciso di continuare la mobilitazione fino all’apertura di un tavolo di trattativa. Molte personalità del mondo politico, culturale e sindacale, trasversalmente, stanno sostenendo questa battaglia e anche diversi sindaci hanno espresso la loro solidarietà, in Emilia-Romagna, per esempio, quelli di Imola, Modena e Piacenza. Credo quindi che sia importante che si aggiunga la voce di Vasco Errani, nel suo duplice ruolo, per sollecitare i vertici di Trenitalia e il Governo ad aprire, nelle sedi competenti, tavoli di trattativa per trovare soluzioni rapide”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Rimini usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il suo cuore si spegne davanti agli occhi degli amici: muore a 22 anni

  • Litigano per una donna davanti all'Arco d'Augusto: spuntano bastoni e cocci di bottiglia, due feriti

  • Bonus bici: è boom di vendite di biciclette, ma non per tutti

  • Coronavirus, i contagi tornano a salire: 12 nuovi casi

  • Ecco la nuova spiaggia di Rimini: 18 metri quadri a ombrellone, apertura fino alle 22 e ok al delivery

  • Colpo al traffico di "bianca": arrestato pusher con più di 300 grammi di cocaina

Torna su
RiminiToday è in caricamento