Nidi gratis, Raffaelli (Lega): "La prima promessa di Bonaccini già rimandata"

"Il neo presidente affermache si arriverà alla gratuità nel corso della legislatura. Si prende quindi 5 anni di tempo"

"Quando le risorse per nidi e scuole dell'infanzia arriveranno saremo più tranquilli. Nessuna accusa a Stefano Bonaccini, ma la preoccupazione che molte promesse non siano mantenute o siano rimandate a data da destinarsi - afferma la deputata e assessore al Comune di Riccione Elena Raffaelli (Lega).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Nella replica, il neo presidente afferma infatti che si arriverà alla gratuità nel corso della legislatura. Bonaccini si prende quindi 5 anni di tempo, quando in campagna elettorale ha fatto passare questo provvedimento come immediato. La solita propaganda del PD che confonde le acque. Ci dica poi quale sia il bacino di utenza che, pur volendolo, oggi non può accedere al servizio. Crediamo che le amministrazioni comunali si attivino anche con risorse proprie per rendere il servizio alla portata di tutti. Ma se la vera intenzione di Bonaccini è l'obbligatorietà del nido, confermo già da ora il nostro totale dissenso. Non accettiamo alcuna lezione in questo senso. Non sono lo Stato e la Regione che decidono come e dove educare i figli, ma devono consentire alle famiglie di scegliere".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Quelle strane coincidenze", Wuhan e Codogno vicini alla fiera del Sigep

  • Quattro pazienti in Rianimazione riprendono a respirare da soli: per loro si intravede la luce in fondo al tunnel

  • Il ministro dell'Istruzione: "L'anno scolastico sarà valido"

  • Si prendono gioco di polizia e quarantena: sesso a 3 in strada davanti al comando

  • Coronavirus, ecco i varchi d'accesso per la provincia di Rimini: sono in tutto 38 strade

  • "Se curva epidemiologica non si abbassa, entro le prossime 2 settimane servono ospedali da campo"

Torna su
RiminiToday è in caricamento