Unione Montecopiolo-Sassofeltrio salta la discussione, Croatti: "Ostruzione del Pd"

Il senatore pentastellato: "Inaccettabile che da oltre 12 anni non si riesca a portare a termine una questione su cui c’è stata una così chiara espressione popolare"

Sembrava finalmente fatta e invece, dopo due giorni di calendarizzazione in aula al Senato, la discussione sul disegno di legge che prevede il distacco dei comuni di Montecopiolo e Sassofeltrio dalla Regione Marche e la loro aggregazione alla regione Emilia-Romagna, è slittata a settembre. "Artefici del rinvio - accusa il senatore pentastellato Marco Croatti - i parlamentari del PD che attraverso l’ennesima azione di ostruzionismo, non hanno permesso ai relatori di ottemperare all’ordine dei lavori che prevedeva proprio questo tema.

“A farne le spese non sono solo le comunità dei due comuni che hanno partecipato ad un referendum popolare per ottenere il riconoscimento dei propri diritti, ma anche un folto gruppo di cittadini giunti appositamente a Roma per seguire la discussione, che hanno occupato silenziosamente i posti in tribuna nella speranza di ricevere una risposta concreta alle loro richieste - afferma il senatore – inaccettabile che da oltre 12 anni non si riesca a portare a termine una questione su cui c’è stata una così chiara espressione popolare. L’auspicio è che alla riapertura dei lavori questo disegno di legge sia uno dei primissimi ad essere finalmente discusso. Posso garantire ai cittadini dei due comuni che continuerà ad esserci la massima attenzione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il programma Melaverde fa tappa in Romagna tra ristoranti e tour in collina

  • Temperature in picchiata, arriva la prima nevicata della stagione

  • Tre giorni di live, a Capodanno Riccione diventa la capitale della musica: arivano anche Emma e Mahmood

  • Aggressione sessuale nell'ascensore di una clinica medica: paura per una ragazza

  • "Siamo nel mirino delle bande di ladri", i residenti infuriati chiedono più sicurezza

  • In migliaia all'assalto di 38 posti di lavoro: boom di domande per il concorso

Torna su
RiminiToday è in caricamento