Zoccarato (Lega): "Hera faccia gli interessi di tutti: sconti e dilazioni sulle tariffe”

Affondo del consigliere del Carroccio: "Il Comune dovrà indebitarsi, pagare interessi e tagliare i servizi e a farne le spese saranno i cittadini"

Fase due, l’affondo del consigliere Zoccarato alla multiutility Hera. “Faccia gli interessi della collettività e applichi sconti e dilazioni sulle tariffe”. “Non posso che accogliere con favore - prosegue - il provvedimento varato dalla Giunta Gnassi sulla proroga dei pagamenti dei tributi locali per tutte quelle imprese che in questi due mesi di lockdown hanno sospeso o dilazionato la produzione. Chiaramente avrei preferito un'altra tipologia di comunicazione, inclusiva e rispettosa del valore democratico del Consiglio Comunale. Ma ce ne faremo una ragione; d’altronde gli Assessori della Giunta riminese non sono nuovi a queste pubbliche manifestazioni di auto adulazione.”

Il consigliere leghista contesta però l’insufficienza e l’inefficacia di queste misure: “da una parte abbiamo uno sconto di un sesto su base annua della tassa sui rifiuti; si ratta di un aiuto concreto ma totalmente insufficiente per compensare l’azzeramento di entrate delle nostre imprese, soprattutto di quelle di natura turistica. Per far fronte a questa operazione, peraltro, il Comune dovrà indebitarsi, pagare interessi e tagliare i servizi. E a pagarne le spese, in un futuro non lontano, saranno sempre i contribuenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per questa ragione e per un lasso di tempo limitato alla gestione dell’emergenza – continua Zoccarato – riterrei equo che anche Hera scontasse le tariffe 2020 al Comune di Rimini, e soprattutto concedesse dilazioni sulle prossime scadenze. Parliamo di decine di milioni di euro ogni anno; se anche solo una parte di questo denaro rimanesse nelle casse della città, sarebbe più semplice intervenire concretamente a sostegno dei contribuenti e con conseguenze decisamente meno dolorose per tutti. Se davvero Hera si configura come una società funzionale al benessere della collettività auspico che faccia la sua parte per venire incontro alle difficoltà dei riminesi.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vittima dei truffatori: "Mi sono fatto fregare da una banda di quaquaraquà"

  • Il suo cuore si spegne davanti agli occhi degli amici: muore a 22 anni

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta davanti al ristorante

  • Coronavirus, i contagi tornano a salire: 12 nuovi casi

  • Schianto tra due centauri, uno si "infila" nella cuspide piena d'acqua

  • Colpo al traffico di "bianca": arrestato pusher con più di 300 grammi di cocaina

Torna su
RiminiToday è in caricamento