Asili e vaccinazioni obbligatorie: dopo la diffida tutte le famiglie si regolarizzano

"Il senso di responsabilità dei genitori è infatti cresciuto di pari passo con l'opera di informazione e ascolto attuato dai nostri uffici", viene evidenziato

Da trentotto casi a zero. Un percorso lungo otto mesi che, dall'inizio delle iscrizioni a febbraio  ad oggi, ha portato tutti i nuovi iscritti nelle scuole per l'infanzia e nidi di Rimini ad essere in regola con gli obblighi vaccinali previsti dalla legge. "Otto mesi di studio e approfondimento della nuova legge regionale, delle nuove norme, di incontri con famiglie e genitori, di confronto con la Regione e gli altri Comuni, di scambio di informazioni con l'Ausl e le scuole - esordisce l'assessore ai servizi educativi del Comune di Rimini, Mattia Morolli -. Otto mesi che hanno visto gli iniziali 38 nuovi iscritti non in regola con le norme sui vaccini diventare progressivamente, prima 21 e poi 10, gli stessi ai quali meno di un mese fa abbiamo fatto recapitare l'ultimo avviso dagli agenti della Polizia Municipale".

"Gli stessi dieci che, a martedì, sono diventati zero essendosi tutti messi in regola, con alcuni distinguo su cui voglio essere chiaro - continua Morolli -. Sette di loro infatti si sono avvalsi dell'ultima data utile per la prenotazione della visita entro il 31 ottobre, dichiarando di aver preso appuntamento con l'Ausl. Dichiarazioni su cui faremo, come per tutte le altre, un monitoraggio in tempo reale; già da mercoledì mattina i nostri uffici hanno preso contatto con l'Ausl per verificare l'effettiva prenotazione delle visite e lo svolgimento del regolare percorso vaccinale. In caso contrario, anche questi sette alunni saranno sospesi da scuola con l'obbligo del pagamento della retta".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Aldilà delle note tecniche, quello che tengo a ribadire è l'importanza di un recupero così consistente e veloce che è il frutto di un lavoro intenso e della sensibilità crescente registrato dalle famiglie riminesi - conclude l'assessore -. Il senso di responsabilità dei genitori è infatti cresciuto di pari passo con l'opera di informazione e ascolto attuato dai nostri uffici. Numeri così si realizzano non solo tramite la necessaria opera di controllo e verifica del rispetto della legge, ma anche grazie ad una responsabilizzazione diretta e autonoma da parte dei cittadini, delle famiglie, dei genitori; Questo è forse un risultato ancora più grande del risultato vaccinale stesso". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si prendono gioco di polizia e quarantena: sesso a 3 in strada davanti al comando

  • "Quelle strane coincidenze", Wuhan e Codogno vicini alla fiera del Sigep

  • Ristoratore stroncato da un improvviso malore nella sua abitazione

  • "Se curva epidemiologica non si abbassa, entro le prossime 2 settimane servono ospedali da campo"

  • Diminuiscono i nuovi contagiati. Venturi: "Faccio il tifo per Rimini, ha preso misure draconiane che danno risultati"

  • Chat di gruppo su WhatsApp per evitare i controlli, denunciata l'amministratrice

Torna su
RiminiToday è in caricamento