Asciutto o bagnato, a Misano Pirro vince strapazzando gli avversari

Il pilota del Barni Racing Team bissa in gara 2 il successo del sabato. Al Mugello può diventare Campione italiano Superbike per la quarta volta

Cambiano le condizioni atmosferiche, ma non il risultato. Dopo aver dominato gara 1 sull’asciutto, Michele Pirro e il Barni Racing Team piegano tutti gli avversari in modo netto anche sul bagnato. Il #51 vince gara 2 ancora una volta per distacco (sesta vittoria stagionale su otto gare), mantenendo la testa della corsa dall’inizio alla fine. Grazie a questo risultato il suo vantaggio in campionato sul secondo sale così a 62 punti e già nel prossimo round al Mugello Pirro potrebbe laurearsi Campione italiano Superbike per la quarta volta. 

Gara 2 - Nella domenica al Misano World Circuit Marco Simoncelli la pioggia intermittente è stata assoluta protagonista rendendo impossibile capire quali sarebbero state le condizioni della pista fino a pochi minuti dall’inizio della gara. Partiti con pista bagnata e con qualche goccia d’acqua la pioggia è cessata nelle primissime fasi di gara e il tracciato è andato asciugandosi molto velocemente, Pirro è stato il migliore a interpretare la situazione: ha spinto nella prima parte per costruirsi un vantaggio rassicurante e ha tenuto un passo regolare, ma allo stesso tempo veloce, per il resto della corsa. Alla fine è transitato sotto la bandiera a scacchi con quattro secondi di vantaggio sul più diretto inseguitore.  Il Campionato Italiano velocità si ferma adesso per la pausa estiva, ma al Mugello, nel prossimo round Pirro avrà a disposizione il primo match point per diventare campione italiano Superbike 2019 già in gara 1. In caso di vittoria, il pilota del Barni Racing Team sarà campione se Savadori otterrà un risultato peggiore del quarto posto.

Meteo in continuo cambiamento. Che però non ha impedito a molti dei protagonisti di firmare importanti doppiette, a cominciare dalla Moto3, dove la vittoria alla fine è andata a Nicholas Spinelli. Nel 4° round ELF CIV dal Misano World Circuit “Marco Simoncelli” l’alfiere Honda Oscar Performance ha trionfato anche alla domenica, andando a conquistare una grande doppietta che proietta il Campione ELF CIV 2017 in vetta alla classifica generale. Gara complicata, dichiarata wet, che ha visto lottare fino all’ultimo per la vittoria anche Leonardo Taccini (Honda Junior Team Total Gresini) bravo a rimanere concentrato fino all’ultimo e ad ottenere il secondo gradino del podio. Terzo posto per l’alfiere SKY Junior Team #VR46 RMU su KTM, Lorenzo Bartalesi, transitato per primo sotto la bandiera a scacchi ma penalizzato di 5 secondi per sorpasso in regime di bandiera gialla. Solo 11° Kevin Zannoni, che perde la vetta della classifica a favore di Spinelli (134 p.) davanti appunto a Zannoni, 121 p., con Surra (9° in gara) a 114 p.

Emozioni fino all’ultimo metro in SS600, con una bagarre che ha coinvolto 5 piloti. Alla fine la vittoria è andata a Lorenzo Gabellini (Yamaha Gomma Racing), aggressivo e concentrato fino all’ultimo, bravo a portarsi a casa una doppietta pesante in ottica campionato vista la caduta di Massimo Roccoli. Un trionfo arrivato al fotofinish per Gabellini, con Kevin Manfredi (Yamaha Team Rosso e Nero) secondo e Marco Bussolotti (Yamaha Gas Racing) terzo. Quarta posizione finale per Davide Stirpe, passato per primo sotto la bandiera a scacchi ma penalizzato per track limit. In classifica generale Gabellini è in testa, con 157 p., davanti a Roccoli, con 131 p., e Manfredi a 102 p.

In Premoto3 la vittoria è andata a Filippo Farioli. Il giovane pilota del Pasini Racing Team su RMU, nipote di Arnaldo Farioli, ha bissato così il successo di Imola, ottenendo la sua seconda vittoria all’Italiano. Seconda posizione per Jacopo Hosciuc (Racetech Academy GP) che torna così nelle posizioni di vertice, con Filippo Bianchi (Brevo Pos Corse) a chiudere il podio. Ha chiuso ai piedi del podio invece il capoclassifica, Luca Lunetta, che resta leader in classifica generale con 158 p. davanti a Bianchi con 121 p. e Farioli con 117 p.

Gara rocambolesca in SS300 interrotta per bandiera rossa all’8° giro e ripartita dopo la procedura di quick restart sulla distanza di 5 giri. L’arrivo di gruppo in volata alla fine ha premiato la wild card Kevin Sabatucci su Yamaha, con il pilota impegnato nel Mondiale SS300 che è riuscito ad avere la meglio nello sprint finale davanti a Thomas Brianti (Prodina Ircos Kawasaki) ed Emanuele Vocino (Yamaha GradaraCorse PZ Racing Team). In classifica generale Rovelli (7° in gara) è al comando con 113,5 p. davanti a Brianti con 92 p. e Vocino con 90 p. Livio Loi, transitato inizialmente per primo sotto la bandiera a scacchi, è stato poi squalificato per irregolarità tecnica. Il prossimo appuntamento con l’ELF CIV sarà con il 5° round dal Mugello il 21 e 22 settembre

Foto di Marzio Bondi 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Roberto Casadei, un cantore della Romagna

  • Stroncato da un malore durante la pedalata, ciclista perde la vita in strada

  • Metromare, i primi due giorni corse gratis per tutti

  • L'acqua alta invade spiagge, il porto e l'area del Ponte di Tiberio

  • Picchiata dal marito costretta a un escamotage per chiedere aiuto ai carabinieri

  • Guida senza patente e fornisce le generalità della gemella sperando di farla franca

Torna su
RiminiToday è in caricamento