Calcio a 5 femminile, il ballo delle debuttanti rende bella la Virtus

Prossimo appuntamento domenica 13 ottobre, al Minipalazzetto di Cesena, alle ore 17, dove la Virtus Romagna affronterà la Dorica Torrette in un match che si preannuncia scintillante

Inizia come meglio non potrebbe l’avventura della Virtus in questa sua prima esperienza in Serie A2: una vittoria convincente in trasferta contro un’avversaria di livello come il Civitanova Dream Futsal. Il match è divertente, giocato ad alti ritmi e particolarmente intenso, con entrambe le formazioni protagoniste di numerose occasioni e impegnate in un perpetuo botta e risposta. All’inizio, ovviamente, per la Virtus c’è un po’ di tensione nelle gambe, ma questa viene messa presto da parte per fare spazio alla voglia di stupire e di giocare a futsal.

La pressione del Civitanova, annessa alle piccole proporzioni del campo, crea spesso diversi problemi alle virtussine in fase di palleggio e di uscita del pallone. Ma la prestazione delle ragazze di Imbriani è stata comunque sia di alto livello e 3 punti conquistati così, in trasferta e alla prima di campionato, portano entusiasmo e positività. La bravura della Virtus si è vista soprattutto nelle due occasioni in cui il Civitanova è riuscito ad accorciare il risultato, cosa che non ha mai fatto disunire le romagnole, che invece si sono compattate con grande attenzione e con l’intenzione di proporre gioco. Tutto ciò ha evidenziato già da ora, alla prima giornata, un collettivo che sa lavorare insieme da squadra, sia difensivamente che offensivamente.

Mentre dal punto di vista offensivo, la Virtus sbaglia almeno 2/3 occasioni molto ghiotte, difensivamente c’è sempre molta concretezza, a fronte anche di qualche sbavatura dal punto di vista dell’ordine tattico. Anche il Civitanova, come la Virtus Romagna, meritava forse di segnare qualche gol in più, ma in generale c’è stata sempre una buona predisposizione difensiva da parte della squadra di Imbriani, anche individualmente e in quei momenti in cui le avversarie mostravano maggiore brillantezza.

Il primo tempo è maggiormente a tinte virtussine, difatti si chiude sul 2-0 con gol di Alessia Marzo e Fulvia Dulbecco. All’inizio della ripresa le padrone di casa accorciano immediatamente le distanze, ma dopo un po’ di sofferenza è Sara Berti a portare le sue sul momentaneo 3-1. La seconda frazione è molto divertente e scoppiettante. Il Civitanova prova a rifarsi sotto, accorciando nuovamente nel risultato, ma la Virtus riesce con merito nei minuti finali a portarsi sul 4-2 finale, grazie al gol liberatorio di Ilaria Venturelli.

E così, fra i tanti segnali positivi che Imbriani ricava da questo test, c’è anche quello di aver portato a referto quattro giocatrici diverse: un segnale che la stessa coach virtussina ha salutato con soddisfazione a fine partita. Sapere di poter contare sin da subito su un collettivo forte, che mostra tanta determinazione in ogni calciatrice che scende sul parquet, è un punto di partenza che riconsegna positività in merito al lavoro che ancora c’è da fare. Prossimo appuntamento domenica 13 ottobre, al Minipalazzetto di Cesena, alle ore 17, dove la Virtus Romagna affronterà la Dorica Torrette in un match che si preannuncia scintillante.

CIVITANOVA DREAM FUTSAL  2 VIRTUS ROMAGNA   4

CIVITANOVA: Fermani, Diaz, Castelli, Ciccioli, Giosuè, Caciorgna, Cremonesi, Marani, Carciofi, Persichini, Romano. All.: Tiberi.
VIRTUS: Battarra, Mancarella, Mencaccini, Dulbecco, Venturelli, Fusconi, Bagnolini, Berti, Falcioni, Marzo, Della Corte. All.: Imbriani.
ARBITRI: Serfilippi di Pesaro, Ricci di San Benedetto del Tronto. CRONO: Gigli di Macerata.
RETI VIRTUS: Marzo, Dulbecco, Berti, Venturelli.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta all'alba, si toglie la vita nel parcheggio del centro commerciale

  • Pronto a nascere il maxi outlet con un investimento da 150 milioni di euro

  • Aereo "perde" il motore, atterraggio d'emergenza al "Fellini"

  • Santarcangelo piange la scomparsa della giovane mamma falciata dal suv

  • Clan emergente voleva prendersi Rimini con una guerra di camorra: segno distintivo, le mani frantumate col martello

  • A Le Iene la verità di Miradossa: "Pantani ucciso per portargli via 20mila euro"

Torna su
RiminiToday è in caricamento