Calcio, per il Rimini è crisi nera: sconfitta anche con la Virtus Verona. La classifica piange

Tre gol, tre espulsi: è stata una vera e propria battaglia quella tra Rimini e Virtus Verona, disputata domenica pomeriggio al Romeo Neri.

Tre gol, tre espulsi: è stata una vera e propria battaglia quella tra Rimini e Virtus Verona, disputata domenica pomeriggio al Romeo Neri. Alla fine la spuntano gli ospiti per 1-2, grazie alle reti messe a segno da Manfrin al 53' e da Odogwu al 70'. In mezzo il gol del momentaneo pareggio dei biancorossi realizzato da van Ransbeeck. Sul finale del match saltano i nervi: espulso Manfrin all'80', poi lo stesso van Ransbeeck all'84' per doppia ammonizione e nello stesso minuto rosso diretto per Candido. Finisce tra le polemiche, ma a passare è la Virtus Verona. Quarta sconfitta nelle ultime cinque partite per il Rimini: il fondo della classifica ora è a un passo.

“Il primo tempo è stato di studio, si è giocato pochissimo, la gara è stata molto spezzettata - commenta mister Renato Cioffi -. Di fronte, come avevo anticipato, avevamo una squadra tosta, tignosa. Nella ripresa è successo di tutto. Abbiamo subìto il gol, poi abbiamo avuto la reazione giusta. Il loro portiere ha fatto una grande parata su Palma, devo rivedere il gol annullato. Nel nostro momento migliore abbiamo preso il loro secondo gol. Quando capitano giornate di questo tipo c’è poco da dire, essendo il timoniere di questa squadra il massimo responsabile dell’accaduto sono io, come sempre mi assumo le mie responsabilità. Dobbiamo leccarci le ferite e lavorare".

"Ho fiducia nei ragazzi, dobbiamo però ritrovare noi stessi perchè ho percepito troppo timore, paura del risultato. Dispiace molto per i tifosi, perché anche ci hanno sostenuti e sono quelli che fanno i sacrifici - conclude -. Mi spiace anche per il presidente Grassi, perché non merita certe accuse che gli vengono rivolte e certe cose che ho ascoltate oggi. In campo andiamo noi e il responsabile tecnico sono io, se dovete puntare il dito contro qualcuno fatelo con me. Dobbiamo essere forti, accettare le critiche, dobbiamo tirare fuori gli attributi e venirne fuori tutti insieme”.

LA PARTITA - Il tecnico biancorosso disegna il tradizionale 3-5-2 con Scappi, Ferrani e Nava a protezione di Scotti. Linea mediana con Candido, Van Ransbeeck e Palma, supportati da Finizio e Silvestro sulle corsie. Fronte d’attacco affidato al tandem Gerardi-Zamparo. Il primo sussulto al 13′ quando Di Paola ci prova da fuori area, la palla viene deviata da un difensore ma è preda di Scotti che blocca senza problemi. Al 22′ Candido, dopo una bella iniziativa sulla destra, mette al centro una palla per Zamparo che non trova il giusto impatto con la sfera. Al 39′ Da Silva dialoga con Odogwu, poi ci prova dai venti metri ma la mira è alta. Al 47′ Magrassi ruba palla sulla trequarti e si invola verso la porta, sulla sua conclusione Scotti si supera e si salva in angolo. Si va al riposo sullo 0-0. Dopo 8′ dalla ripresa della ostilità gli scaligeri passano grazie a Manfrin la cui conclusione dalla distanza supera Scotti. Due giri di lancette più tardi, sugli sviluppi di una punizione battuta da Candido nei pressi del lato corto dell’area, si scatena una mischia risolta da Finizio che insacca, l’arbitro annulla per fuorigioco. Al 14′ il neoentrato Arlotti serve Palma che lascia partire una conclusione insidiosa dal limite, Giacomel chiude alla grande la saracinesca. Al 19′ i ragazzi di mister Cioffi impattano. Grande azione di Nava sulla corsia, palla al centro per Van Ransbeeck il cui rasoterra non lascia scampo a Giacomel. Dopo soli 5′ i veronesi tornano avanti con Odogwu che raccoglie un cross dalla sinistra di Manfrin e di testa insacca. Al 35′ Manfrin, che stava per essere sostituito, entra a contatto con Van Ransbeeck. Rosso diretto per il giocatore della Virtus, secondo giallo per il belga. Entrambe le squadre in dieci. Al 38′ Magrassi si invola verso Scotti e conclude, l’estremo difensore biancorosso respinge alla grande, Odogwu tenta il tap-in ma viene contrastato da Candido. Il direttore di gara concede il penalty e sventola il rosso diretto al giocatore biancorosso, Rimini in 9. Sul dischetto va Magrassi il cui tiro è respinto da Scotti. E’ l’ultimo sussulto del match, al “Neri” termina 2-1 per la Virtus.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta all'alba, si toglie la vita nel parcheggio del centro commerciale

  • Pronto a nascere il maxi outlet con un investimento da 150 milioni di euro

  • Aereo "perde" il motore, atterraggio d'emergenza al "Fellini"

  • Santarcangelo piange la scomparsa della giovane mamma falciata dal suv

  • Clan emergente voleva prendersi Rimini con una guerra di camorra: segno distintivo, le mani frantumate col martello

  • A Le Iene la verità di Miradossa: "Pantani ucciso per portargli via 20mila euro"

Torna su
RiminiToday è in caricamento