Superbike, FP1 di Misano a Rea. Ma Bautista è un rullo compressore sul passo gara

Ad infiammare il cronometro delle FP1 del Gran Premio della Riviera di Rimini, settimo round del mondiale Superbike, è Jonathan Rea

Il sole di Misano spinge la temperatura dell'aria a 29,8°C e quella dell'asfalto a 42.2°C. Ma ad infiammare il cronometro delle FP1 del Gran Premio della Riviera di Rimini, settimo round del mondiale Superbike, è Jonathan Rea. Il portacolori della Kawasaki, che considera la tappa rivierasca come quella di casa, ha fermato le lancette sull'1'36"029, 196 millesimi più rapido di Michael Van Der Mark, a dimostrazione che la vittoria dell'olandase della Yamaha maturata in Gara 2 a Jerez è stata tutt'altro che un fuoco di paglia.

Al momento il leader del campionato Alvaro Bautista chiude la prima fila, a 234 millesimi dalla virtuale pole. Lo spagnolo ha comunque mostrato un passo gara di alcuni decimi più rapido rispetto a quelli di Rea e Van Der Mark, girando con impressionante costanza tra il 36"3 e il 36"5. Solo negli ultimi passaggi, con gomma usata, i tempi si sono leggermente alzati. Quarto crono per l'altra Yamaha di Alex Lowes a precedere la Ducati Aruba di Chaz Davies e la Bmw di Tom Sykes. Il weekend romagnolo di Marco Melandri (Yamaha Team Grt) inizia col settimo crono, a sette decimi da Bautista. Il ravennate si è messo alle spalle la Kawasaki di Leon Haslam, la Yamaha del compagno di squadra Sandro Cortese e la Kawasaki del team Puccetti di Toprak Razgatlioglu.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il santarcangiolese del team Barni Michael Ruben Rinaldi inizia con l'undicesimo crono; 13esimo Samuele Cavalieri (Motocorsa Racing) davanti all'altra Ducati del team Barni di Michele Pirro, incappato anche in una scivolata al curvone. Il pugliese, cesenate d'adozione, è riuscito comunque a tornare in pista nei minuti finali, fermandosi a 1.282 da Rea. Inizio difficile per l'altro pilota di casa, Alessandro Delbianco, due volte a terra nei minuti finali con la Honda del team Althea Mia, che ha chiuso 19esimo alle spalle dell'altra wild card Lorenzo Zanetti (Ducati Go Eleven). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Litigano per una donna davanti all'Arco d'Augusto: spuntano bastoni e cocci di bottiglia, due feriti

  • Bonus bici: è boom di vendite di biciclette, ma non per tutti

  • Ecco la nuova spiaggia di Rimini: 18 metri quadri a ombrellone, apertura fino alle 22 e ok al delivery

  • Lavoro stagionale, le figure più ricercate e i consigli dei Centri per l'impiego

  • Discoteche, il mondo della notte si reinventa e punta alla riapertura

  • Il coronavirus uccide altre due anziane. Due nuove positive al covid: erano asintomatiche

Torna su
RiminiToday è in caricamento