venerdì, 25 aprile 15℃

"La vittoria di Marco", un libro speciale dedicato al "Sic"

Dedicato a Marco Simoncelli. Dalla mano del dottor Claudio Costa, il "papà" dei motociclisti, è nato 'La vittoria di Marco', libro nato a pochi mesi dalla sua ultima fatica libraria su 'Il sogno del dinosauro',

Redazione22 aprile 2012

Dedicato a Marco Simoncelli. Dalla mano del dottor Claudio Costa, il "papà" dei motociclisti, è nato 'La vittoria di Marco', libro nato a pochi mesi dalla sua ultima fatica libraria su 'Il sogno del dinosauro', dove racconta le emozioni vissute con Mick Doohan, Loris Capirossi, Alessandro Zanardi, Marco Pantani, Wayne Rainey, Shoya Tomizawa e Marco Simoncelli. La tragedia di Sepang ha spinto il dottor Costa a riprender per mano la penna.

"Mi ha costretto - ha raccontato a Imola durante la presentazione alla presenza dei genitori, Paolo e Rossella Simoncelli - a spiegarmi come fosse stato possibile. Ma soprattutto perché io avessi avuto una premonizione, perché nell'intervista con Marco avevamo parlato di morte, di sfidare la morte". Così è nato un secondo libro 'La vittoria di Marco', "che ho voluto costituisse la seconda parte di ciò che avevo scritto. Perché mi sono reso conto che esso era un tutt'uno, una storia abbracciata all'altra, era un unico discorso".

E di abbracci non ne sono mancati, come quello alla mamma di un altro Marco: "Prima di morire - ha detto Tonina, madre di Pantani - voglio sapere la verità su cosa successo a Madonna di Campiglio e lotterò per questo". Un messaggio di speranza è giunto da Alex Zanardi: "le avversità si possono abbattere specie quanto ci si imbatte nella inarrivabile competenza scientifica del dottor Costa". Concetto questo ("senza Claudio non sarei qua") ribadito nel corso dell'incontro, coordinato da Marino Bartoletti, dall'australiano Doohan, Virginio Ferrari, Marco Lucchinelli, Loris Reggiani, Philippe Coulon, Patrick Fernandez, Vinicio Salmi, Corrado Catalano, e Roberto Locatelli.

Annuncio promozionale

E al "Marco vivo nei nostri cuori" si è affiancato l'unanime riconoscimento per la preziosa opera della Clinica Mobile, voluta un quarantennio fa da quel principe del motociclismo che è stato Checco Costa, che non si limita solo a seguire fianco a fianco i piloti. Uno di questi 'ospedali da viaggio' è stato infatti donato al Senegal nell'ambito di 'Roadway for Africa', iniziativa di solidarietà per portare aiuto alla popolazione locale che soffre la mancanza di cure mediche , e che finora ha già eseguito 22mila interventi.

Marco Simoncelli
morte simoncelli

Commenti