Moto2, sulla pista di Misano prima pole per DiGiannantonio

Il pilota romano firma il miglior tempo, intruppati nelle retrovie i centauri riminesi

Sarà Fabio DiGiannantonio a scattare davanti a tutti nella gara di Moto2 del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini col pilota romano che, nelle qualifiche, ha firmato la sua prima pole della carriera in quella che considera la sua pista di casa. Beffati quelli che, alla vigilia, erano i più favoriti come il leader del mondiale Alex Marquez, che fino a trenta secondi dallo sventolare della bandiera a scacchi era saldamente al comando, che partirà dalla seconda casella. In ripresa il riminese Marco Bezzecchi che, dalla nona casella, apre il gruppo degli italiani. Alle spalle del pilota della Red Bull KTM Tech 3 un altro riminese, Enea Bastianini, riuscito a passare il Q1 ma a poco meno di mezzo secondo dal connazionale e detentore della pole position.

Così gli altri italiani: Andrea Locatelli resta per pochi millesimi fuori dai primi dieci ed è 11esimo. Luca Marini, passato dal Q1 con il primo tempo, è 12esimo davanti a Nicolò Bulega, 13esimo. Lorenzo Baldassari chiude questo piccolo gruppo. Bisogna scorrere la classifica per trovare gli altri, Stefano Manzi e Simone Corsi sono 20esimo e 22esimo rispettivamente. Manca all’appello Mattia Pasini, costretto a chiudere in anticipo il weekend di Misano a causa di un infortunio al coccige ed alla vertebra T12 rimediati in una caduta durante le FP3.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbornia di San Valentino, fermata una dottoressa ubriaca fradicia alla guida: ritirate 18 patenti

  • Vasco Rossi torna a maggio in Riviera per le prove del suo nuovo tour

  • Dramma in stazione, giovane si lancia contro il treno: modifiche alla circolazione

  • Avvelena il proprio cane con del topicida, il sadico proprietario denunciato

  • Macabra scoperta, ritrovato cadavere nel porto

  • Nell'area ex Velvet aprono un birrificio e un pub, assunte venti persone: "Un'impresa folle"

Torna su
RiminiToday è in caricamento