Superbike ad Aragon, la Ducati vola sul lungo rettilineo. Rinaldi nella top ten

Dopo aver dominato i round di Phillip Island e Buriram, rispettivamente in Australia e Thailandia, il portacolori della Ducati Aruba ha tutte le carte in regola per sbancare il terzo round del mondiale Superbike

Alvaro Bautista prepara la fuga solitaria anche ad Aragon. Dopo aver dominato i round di Phillip Island e Buriram, rispettivamente in Australia e Thailandia, il portacolori della Ducati Aruba ha tutte le carte in regola per sbancare il terzo round del mondiale Superbike. Lo spagnolo ha fatto suo il venerdì di prove libere, firmando la migliore prestazione in 1'49"602, tempo ancora distante dall'1'49"319 realizzato da Chaz Davies nel 2017 con la Panigale V2. Bautista ha inflitto poco più di cinque decimi alla Yamaha di Alex Lowes e alla Kawasaki di Jonathan Rea.

Quarto tempo a sorpresa per la Bmw di Tom Sykes, che paga dazio sul lungo rettilineo del tracciato spagnolo (ben 14 chilometri orari di differenza da Bautista, che nella "speed trap" ha fatto segnare ben 314 chilometri orari). Il leader di giornata ha fatto la differenza nell'ultimo settore, quello che comprende il lungo rettilineo, mentre il più veloce nel misto è stato Sykes. Attardato Davies, solo nono, preceduto anche dalla "rossa" del team Barni di Michael Ruben Rinaldi. Altra Ducati più veloce di quella del gallese è stata quella di Eugene Laverty del team GoEleven, al quinto posto. Undicesimo Marco Melandri (Yamaha), ultimo Alessandro Delbianco (Bmw Althea).

"E’ stato un venerdì abbastanza produttivo - afferma Rinaldi -. Non siamo ancora al 100% ma ce lo aspettavamo. Per tutta la giornata abbiamo provato diverse soluzioni di setup e credo che domani potremo fare un altro step in avanti. Come sempre l’obiettivo è arrivare pronti alle qualifiche e poi a gara 1 quindi al venerdì non guardo troppo la classifica". "Un venerdì ‘normale’ direi, durante il quale abbiamo continuato a lavorare - commenta Delbianco -. Sono riuscito a guidare la mia moto un po’ meglio del solito, il feedback è più positivo quindi, e sono fiducioso di poter fare un altro step in avanti anche sabato. L’obiettivo di questo weekend è di riuscire a fare tre belle gare insieme alle Honda ufficiali di Camier e Kiyonari, avvicinandomi sempre di più".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta il gesto estremo sui binari del treno, salvata appena in tempo dai carabinieri

  • Il programma Melaverde fa tappa in Romagna tra ristoranti e tour in collina

  • Temperature in picchiata, arriva la prima nevicata della stagione

  • Tre giorni di live, a Capodanno Riccione diventa la capitale della musica: arivano anche Emma e Mahmood

  • "Siamo nel mirino delle bande di ladri", i residenti infuriati chiedono più sicurezza

  • Aggressione sessuale nell'ascensore di una clinica medica: paura per una ragazza

Torna su
RiminiToday è in caricamento