La pioggia rovina i piani in casa Ducati, Rinaldi: "Possiamo migliorare"

Michael Ruben Rinaldi non storce il naso dopo la prima giornata di prove libere del Gran Premio della Riviera di Rimini

Foto di Marzio Bondi

"Sono fiducioso. Possiamo migliorare". Michael Ruben Rinaldi non storce il naso dopo la prima giornata di prove libere del Gran Premio della Riviera di Rimini, nono round del mondiale Superbike che questo weekend fa tappa a Misano. Il riminese tra la FP1 e la FP2 è stato capace di togliere oltre un secondo ai propri riferimenti nell’arco della giornata, chiudendo con l'undicesimo tempo nella classifica combinata col crono di 1'35"439. La pioggia arrivata al pomeriggio ha impedito al riminese di proseguire nel programma di lavoro, con la scelta di Rinaldi di restare ai box dal momento che le previsioni indicano pista asciutta per il prosieguo del weekend.

"E' stata una giornata nella quale, nonostante il turno perso per la pioggia, abbiamo lavorato molto - illustra il campione uscente dell'Europeo Stock 1000 -. Tuttavia, non sono ancora completamente soddisfatto del passo gara. E' un peccato che sia arrivato il brutto tempo perchè nelle FP3 avremmo potuto modificare ancora qualcosa per essere più competitivi, e soprattutto provare ad accedere in Superpole 2 direttamente, ma lo valuteremo in FP4. Sono fiducioso, possiamo migliorare ancora".

In una giornata contraddistinta dal meteo variabile, in casa Ducati Marco Melandri e Chaz Davies hanno lavorato principalmente sulla valutazione dei diversi pneumatici a disposizione tra FP1 ed FP2. Il ravennate ha chiuso col settimo tempo, definendo "positiva" la giornata "anche se purtroppo abbiamo perso un turno di prove che era abbastanza importante per noi. Avevamo diverse novità a disposizione dal punto di vista degli pneumatici e non è stato facile trovare il giusto compromesso a livello di assetto. Ci sarebbe servito più tempo, invece ci resta qualche dubbio da toglierci, quindi la FP4 sarà fondamentale. Speriamo che le condizioni della pista restino stabili, perché solitamente al mattino si gira più forte. Comunque l’obiettivo resta sempre quello di fare una buona qualifica per poi giocarci al meglio le nostre carte in gara".

"Avevamo molte opzioni di pneumatici ed abbiamo semplicemente cercato di valutarle tutte - spiega Davies -. Un po' a sorpresa, ci siamo riusciti anche se siamo stati costretti a procedere rapidamente durante le prove a causa del meteo. Probabilmente in pista volevamo tutti assicurarci di entrare direttamente in Superpole 2 in caso di pioggia. Ho fatto il mio miglior tempo con una gomma nuova, ma non l'opzione che solitamente preferisco. Speravo di fare più giri, ma siamo tutti nella stessa situazione e riproveremo alcune modifiche in FP4 per avere un quadro più completo in vista della gara. Comunque siamo piuttosto sicuri della direzione da seguire, il che è positivo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresa al ristorante: arrivano gli ospiti di 'Ballando con le Stelle'

  • Spaccata nella boutique, razzia di costosi capi di abbigliamento e borse griffate

  • La gelosia e i maltrattamenti dietro il feroce pestaggio di Sant'Andrea in Besanigo

  • Fratelli separati alla nascita, la sorella scomparsa riappare a Cattolica dopo 50 anni

  • Banda del bancomat in azione, malviventi messi in fuga dai carabinieri

  • Un locale del Borgo San Giuliano premiato tra i migliori 50 ristoranti low cost d'Italia

Torna su
RiminiToday è in caricamento