Superbike a Imola, Delbianco ad oltre tre secondi da Rea: "Volevo essere più avanti"

Alessandro Delbianco è piuttosto deluso dopo la prima giornata di prove libere del Gran Premio d'Italia, quinto round del mondiale Superbike

Tra un turno e l'altro è riuscito a limare ben sette decimi. Ma Alessandro Delbianco è piuttosto deluso dopo la prima giornata di prove libere del Gran Premio d'Italia, quinto round del mondiale Superbike che questo weekend fa tappa all'autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola. Il portacolori della Honda del team Althea Mie Racing ha chiuso 18esimo le prove del venerdì ad oltre 3"5 dal miglior crono realizzato dalla Kawasaki di Jonathan Rea.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non sono felicissimo della giornata - perché mi sarebbe piaciuto essere più davanti su una pista che mi piace così tanto - esordisce Delbianco -. Purtroppo, i problemi che abbiamo qui sono simili a quelli che sono emersi in Thailandia, a causa dei molti tornanti. Mi sento bene comunque, nonostante il fatto che mi sono rotto un dito due giorni fa, un problema che mi dà solo un po’ di fastidio ma non condiziona la mia guida. Punto a lavorare bene sabato perché abbiamo un buon potenziale da esprimere qui a Imola".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Party in spiaggia, due 15enni violentate dall'amico

  • Bagno in mare all'alba, una ragazzina muore annegata

  • Padre di famiglia cerca una lucciola ma si trova a letto con un trans, parapiglia nel residence

  • Forte vento e un veloce temporale faranno abbassare le temperature

  • Notte Rosa, svelate le anticipazioni sull'edizione 2020

  • Scontro frontale tra due auto, 6 feriti. Mamma e figlia di 5 anni gravi al "Bufalini"

Torna su
RiminiToday è in caricamento