Superbike a Misano, vola Giugliano nel primo turno di prove libere

Il pilota romano ha completato 20 giri, con un passo costante sull'36"6. Nell'ultimo stint, il portacolori della rossa ha confermato un ottimo ritmo, piazzato tre giri sotto il 36"

Al via al Misano World Circuit di Misano il weekend della Superbike. Ed è subito Italia protagonista con la migliore prestazione di Davide Giugliano, che ha portato la Ducati in vetta col tempo di 1'35"460. Il pilota romano ha completato 20 giri, con un passo costante sull'36"6. Nell'ultimo stint, il portacolori della rossa ha confermato un ottimo ritmo, piazzato tre giri sotto il 36".

Alle spalle del numero 34 si è piazzato Nicky Hayden (Honda), con un gap di 175 millesimi dalla virtuale pole position. Completa la virtuale prima fila il dominatore di Donington Tom Sykes, a 202 millesimi da Giugliano. Molto attivo in pista l'ex campione del mondo, con 24 giri ed un passo gara da podio. Il compagno di squadra Jonathan Rea, che si è concentrato sulla messa a punto della sua Kawasaki in ottica gara, ha chiuso quinto, preceduto dalla Ducati del team Barni di Xavi Fores.

Solo settima l'altra Ducati di Chaz Davies, alle spalle della Bmw di Mark Reiterberger. A completare la top ten la Yamaha di Alex Lowes, la Honda di Michael Van Der Mark e l'Aprilia del cesenate Lorenzo Savadori. Tredicesima l'altra quattro cilindri di Noale del team Ioda Racing di Alex De Angelis. Quindicesimo Niccolò Canepa, in sella alla Yamaha ufficiale del convalescente Sylvain Guintoli, ancora alle prese con l'infortunio accusato a Imola. Il genovese si è fermato sul finale di sessione per un problema alla sua YZF-R1. Rientro nel mondiale Superbike per il riminese Fabio Menghi, 23esimo con la Ducati del VFT Racing.

Nella classe Superstock partenza a razzo per il riminese dell'Aprilia del team Nuova M2 Racing di Roberto Tamburini, con il cronometro di 1'37"711, davanti a Michael Ruben Rinaldi (Ducati Aruba Racing) e al napoletano Raffaele De Rosa (Bmw). Completa la top five Leandro Mercado (Ducati Aruba Racing) e l'imolese Kevin Kalia (Aprilia Nuova M2 Racing). Sesto il ravennate Marco Faccani, davanti alla Bmw di Luca Vitali.

Alle 12.45 tutto l'autodromo di Misano si è fermato per un minuto di silenzio per ricordare i piloti, scomparsi di recente, Luis Salom e Fabrizio "Piro" Pirovano.

AU1B8437-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresa al ristorante: arrivano gli ospiti di 'Ballando con le Stelle'

  • Spaccata nella boutique, razzia di costosi capi di abbigliamento e borse griffate

  • La gelosia e i maltrattamenti dietro il feroce pestaggio di Sant'Andrea in Besanigo

  • Fratelli separati alla nascita, la sorella scomparsa riappare a Cattolica dopo 50 anni

  • Banda del bancomat in azione, malviventi messi in fuga dai carabinieri

  • Un locale del Borgo San Giuliano premiato tra i migliori 50 ristoranti low cost d'Italia

Torna su
RiminiToday è in caricamento