Superbike, Rinaldi e Delbianco a Jerez De La Frontera per voltare pagina

Questo fine settimana il circus della Superbike torna sul circuito "Angel Nieto" dopo un anno di assenza per il sesto round della stagione

Michael Ruben Rinaldi e Alessandro Delbianco a Jerez De La Frontera per voltare pagina. Questo fine settimana il circus della Superbike torna sul circuito "Angel Nieto" dopo un anno di assenza per il sesto round della stagione. Nonostante il lungo intervallo tra il round precedente e quello in programma il prossimo weekend, sia Delbianco che Rinaldi sono stati impegnati la scorsa settimana al Misano World Circuit Marco Simoncelli per una intensa due giorni di lavoro.

Dopo questo test privato, Rinaldi ha espresso la sua soddisfazioni per i miglioramenti fatti registrare insieme alla sua Ducati Panigale V4 R e ora può guardare con fiducia alla seconda parte della stagione. Il giovane pilota di Santarcangelo di Romagna è determinato a riscattare il fine settimana negativo a Imola dove i problemi tecnici gli hanno impedito di essere competitivo ed è pronto dare il massimo su un circuito dove ha già vinto.

Nel 2015, in Superstock 600, Rinaldi è stato il dominatore partendo dalla pole, stabilendo il giro più veloce e conducendo l'intera gara. Più recentemente è stato ottavo e sesto nelle sue due gare Superstock 1000 (2016 e 2017). Il portabandiera della squadra bergamasca farà il suo debutto in Superbike a Jerez, ma ha già guidato la Ducati Panigale V4 R su questa pista durante i test invernali.

Nell'attuale classifica del campionato, dopo cinque dei 13 round, Rinaldi è dodicesimo assoluto e sesto tra i piloti indipendenti con 44 punti. "A Jerez partiremo da una buona base di assetto perchè il lavoro fatto a Misano nei test è stato molto utile - esordisce il pilota di Santarcangelo -. Cercheremo di adattarci al meglio a un tracciato che mi piace molto, soprattutto per quello che riguarda il clima. Indubbiamente il caldo inciderà sulle prestazioni e per questo sarà un fattore determinante. Gestire le energie e lavorare sul passo gara saranno i due elementi chiave per essere veloci quando le gomme caleranno".

“Sono felice di andare a Jerez, una pista che conosco bene, avendo girato con la Moto3 e fatto dei test sia con la Stock1000 che con la Superbike - afferma Delbianco -. Dopo il recente test di Misano mi sento più fiducioso, perché ho avuto la possibilità di fare delle prove utili e di incrementare sempre di più la mia confidenza in sella. Jerez può essere sicuramente una pista favorevole per noi, e non vedo l’ora di cominciare il lavoro di messa a punto della mia Fireblade".

Potrebbe interessarti

  • I 10 top ristoranti dove mangiare sano più 3 ristoranti esclusivamente Bio

  • "Il parchetto di Miramare tra sbandati che bivaccano ed escrementi umani ovunque"

  • Lavare le mani: i 7 momenti in cui è fondamentale per evitare infezioni batteriche

  • Caldo in auto: ecco come viaggiare freschi

I più letti della settimana

  • Doppia scossa di terremoto fa tremare la provincia

  • Investimento mortale sulla linea ferroviaria, stop ai treni sulla linea adriatica

  • Tenta di salvare il figlio dal suicidio, l'anziano padre in gravi condizioni

  • Il Sole 24 ore incorona Rimini come capitale dell’italian lifestyle

  • Notte brava con trans e cocaina, pizzaiolo rapinato dopo il festino

  • Smontano la cassaforte nella stanza dell'hotel e fuggono con 40mila euro di gioielli

Torna su
RiminiToday è in caricamento