Superbike, Rinaldi fa ben sperare: ottimo debutto nel weekend di Aragon

Il campione uscente della Stock 1000 ha ripagato gli sforzi del team Aruba di schierare nelle gare europee una terza Panigale e nel weekend del Motorland di Aragon ha fatto di tutto per non commettere errori, correndo in modo intelligente

Un ottavo ed un settimo posto. E' decisamente positivo il debutto in Superbike per Michael Ruben Rinaldi. Il campione uscente della Stock 1000 ha ripagato gli sforzi del team Aruba di schierare nelle gare europee una terza Panigale e nel weekend del Motorland di Aragon ha fatto di tutto per non commettere errori, correndo in modo intelligente. Il riminese deve ancora crescere sulla gestione delle Pirelli: Rinaldi è stato infatti velocissimo nella prima parte di gara, restando a pochi secondi dal gruppo di teste, mentre nell'ultima ha sofferto il calo prestazionale delle gomme. E in poche tornate ha dovuto cedere il passo alle Yamaha di Alex Lowes e Michael Van Der Mark e alla Kawasaki di Tom Sykes. "È stata una gara fantastica - afferma il riminese -. I piloti al vertice sono davvero veloci e volevo provare a seguirli per tutta la gara, ma sul finale ero esausto ed anche le gomme erano finite. Comunque sono felicissimo per questo risultato, 8º e 7º al debutto in una nuova categoria, non avrei potuto chiedere di più. Proveremo a migliorare ancora ad Assen".  La vittoria di Gara 2 è andata all'altra Ducati Aruba di Chaz Davies, che ha prevalso sulla Kawasaki del leader del campionato Jonathan Rea, vincitore di Gara 1, e sulla Panigale di Marco Melandri.

Davies è stato autore di una bellissima rimonta dalle retrovie: "E' stata una gara impegnativa, con belle battaglie. All'inizio non ero al top con la moto, ma ho mantenuto la concentrazione, riuscendo a risalire col mio passo sul gruppo di testa e quindi vincere". "E' stata una gara faticosa fino alla fine - ha dichiarato Rea -. Ho commesso un errore all'ultimo giro, ma non era facile fare di meglio. Alla fine un primo e un secondo posto è un buon bottino". Si è ripresentato il problema che l'ha condizionato nel fine settimana thailandese di Buriram. "E' frustante quando hai la velocità per vincere - osserva l'ex iridato della 250cc -. Quando provavo ad attaccare, non potevo cambiare linea per effettuare il sorpasso perchè la moto cominciava a scuotersi. Dovremo lavorare per risolvere questa problematica". Decimo posto per il cesenate Lorenzo Savadori con l'Aprilia del team Milwaukee.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresa al ristorante: arrivano gli ospiti di 'Ballando con le Stelle'

  • Spaccata nella boutique, razzia di costosi capi di abbigliamento e borse griffate

  • La gelosia e i maltrattamenti dietro il feroce pestaggio di Sant'Andrea in Besanigo

  • Fratelli separati alla nascita, la sorella scomparsa riappare a Cattolica dopo 50 anni

  • Banda del bancomat in azione, malviventi messi in fuga dai carabinieri

  • Un locale del Borgo San Giuliano premiato tra i migliori 50 ristoranti low cost d'Italia

Torna su
RiminiToday è in caricamento