Superbike, si ricomincia. Test a Jerez, Rinaldi: "Due giorni produttivi"

"Sono stati due giorni produttivi", ha commentato il riminese, ex campione dell'Europeo Superstock 1000

Foto pagina Facebook Michael Rinaldi Official

Sono i bolidi della Superbike i primi ad uscire dal letargo e riprendere la via dell'asfalto dopo la pausa invernale. Il circuito di Jerez De La Frontera, nel sud della Spagna, ha ospitato una due giorni di test, prima tappa di avvicinamento al campionato che scatterà tra un mese (il 23 e il 24 febbraio) col Gran Premio d'Australia sul tracciato di Phillip Island. Jonathan Rea resta l'uomo da battere anche nel 2019: il nordirlandese della Kawasaki ha dominato la sessione di collaudi, firmando il cronometro sul tempo di 1'39"160, sfiorando il mostruoso 1'38"713 realizzato a novembre. Faceva più caldo e l'asfalto era differente.

Rea ha rifilato 212 millesimi al primo degli inseguitori, la Yamaha di Alex Lowes. Alle spalle del britannico si è piazzata la Kawasaki di Leon Haslam, a tre decimi dal compagno di squadra a recedere la prima delle Ducati Panigale V4R, quella di Alvaro Bautista. Lo spagnolo si è messo alle spalle un'altra Kawasaki, quella del team Puccetti Racing di Toprak Razgatlioglu. Ottavo crono a 1'309 per Marco Melandri con la Yamaha del team GRT Yamaha. Il ravennate ha messo a referto 87 giri, precedendo la Ducati del team Barni di Michel Ruben Rinaldi. "Sono stati due giorni produttivi - ha commentato il riminese, ex campione dell'Europeo Superstock 1000 -. L'approccio nella prima giornata non è stato facile, invece nella seconda siamo riusciti a fare un buon lavoro. Abbiamo raccolto una gran mole di dati e ci siamo avvicinati molto agli altri. A Portimao ripartiremo da qui per cercare di migliorare un po' in tutte le aree".

Sorprende la nuova Bmw S1000RR, che con Tom Sykes ha girato in 1'39"9 (senza trasponder). Primi giri per Alessandro Delbianco con la Honda, a chiudere la lista dei tempi ad oltre 3 secondi. Prossimo test domenica e lunedì Portimao.

I tempi

Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) 1’39.160
Alex Lowes (Pata Yamaha Official WorldSBK Team) 1’39.372 +0.212
Leon Haslam (Kawasaki Racing Team WorldSBK) 1’39.502 +0.348
Alvaro Bautista (Aruba.it Racing – Ducati) 1’39.620 +0.460
Toprak Razgatlioglu (Turkish Puccetti Racing) 1’39.942 +0.782
Sandro Cortese (GRT Yamaha Team) 1’40.075 +0.915
Michael van der Mark (Pata Yamaha Official WorldSBK Team) 1’40.145 +0.985
Marco Melandri (GRT Yamaha Team) 1’40.469 +1.309
Michael Ruben Rinaldi (BARNI Racing Team) 1’40.540 +1.380
Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati) 1’40.621 +1.461
Leandro Mercado (Orelac Racing VerdNatura) 1’40.794 +1.634
Eugene Laverty (Team Goeleven) 1’40.879 +1.719
Jordi Torres (Team Pedercini Racing) 1’41.066 +1.906
Tom Sykes (BMW Motorrad WorldSBK Team) 1’41.206 +2.046
Markus Reiterberger (BMW Motorrad WorldSBK Team) 1’41.231 +2.071
Alessandro Delbianco (Althea MIE Racing Team) 1’42.353 +3.192

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insieme nella vita e nel lavoro, marito e moglie riaprono il supermercato in via della Fiera

  • Tenta il gesto estremo sui binari del treno, salvata appena in tempo dai carabinieri

  • Il programma Melaverde fa tappa in Romagna tra ristoranti e tour in collina

  • Investe una donna con i suoi tre cani sulle strisce pedonali e scappa: è caccia al pirata

  • Tre giorni di live, a Capodanno Riccione diventa la capitale della musica: arivano anche Emma e Mahmood

  • Folle inseguimento sulle strade per bloccare il furgone rubato

Torna su
RiminiToday è in caricamento