Supersport, la legge di Sofuoglu: "Ho vinto d'esperienza". Cluzel e Caricasulo sul podio

Ci hanno provato in tutti i modi a mettere in discussione lo strapotere della Kawasaki del team Puccetti Racing, ma il turco ha imposto la sua legge

Foto di Marzio Bondi

Kenan Sofuoglu vince a Misano e riapre il mondiale Supersport complice l'uscita di scena del francese Lucas Mahias. Ci hanno provato in tutti i modi a mettere in discussione lo strapotere della Kawasaki del team Puccetti Racing, ma il turco ha imposto la sua legge, regolando un arrembante Jules Cluzel (Honda team Cia Landlord Insurance). Gradito ritorno sul podio per il ravennate Federico Caricasulo (Yamaha), a 5”6 dal vincitore, dopo una lunga serie di gare travagliate dopo la vittoria in Tailandia. Con il quarto successo stagionale Sofuoglu si porta ad appena 5 punti dal leader del campionato Mahias, che guida la classifica con 105 punti.

LA CADUTA DI MAHIAS - Mahias ci ha provato ad innervosire il pluridecorato della Supersport, ma le sue ambizioni di vittoria sono finite sull'asfalto della Rio. Tornato in pista, poche centinaia di metri dopo è stato autore di un rocambolesco volo alla Quercia. La stessa curva è stata teatro poco dopo di un brutta caduta, con il finlandese Tuuli della Yamaha del Kallio Racing costretto alle cure dei sanitari dell'autodromo. Con Mahias fuori dai giochi, ci ha provato Clusel a spodestare Sofuoglu. Il duello è durato diversi giri, poi il turco ha preso il largo chiudendo con un margine di oltre due secondi. 

IL PARCO CHIUSO - “Il fine settimana è andato molto bene – ha dichiarato il vincitore -. Jules ha spinto tanto e ho visto che in alcuni punti era più lento. Così l'ho passato e ho creato il gap. Penso che sia stata una vittoria di esperienza, perchè non ero molto più veloce rispetto agli altri”. “Sono molto contento perchè ho conquistato punti importanti – ha commentato Clusel -. Ho rischiato di perdere l'avantreno e mi sono accontentato”. Gara regolare per Caricasulo: "Mi dispiace di non esser riuscito a stare con loro – ha dichiarato il ravennate -. Sono contento del podio dopo tante gare difficili e di essere arrivato in fondo. La squadra ha fatto un lavoro fantastico”. Così gli italiani: settimo l'ottimo Alex Bassani (3570 Puccetti Racing), 11esimo il riminese Alessandro Zaccone (Mv Agusta); 18esimo Roberto Rolfo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insieme nella vita e nel lavoro, marito e moglie riaprono il supermercato in via della Fiera

  • Fratelli separati alla nascita, la sorella scomparsa riappare a Cattolica dopo 50 anni

  • Un locale del Borgo San Giuliano premiato tra i migliori 50 ristoranti low cost d'Italia

  • Tenta il gesto estremo sui binari del treno, salvata appena in tempo dai carabinieri

  • Il programma Melaverde fa tappa in Romagna tra ristoranti e tour in collina

  • Investe una donna con i suoi tre cani sulle strisce pedonali e scappa: è caccia al pirata

Torna su
RiminiToday è in caricamento