Superbike, Sykes domina Gara 1 di Misano. Biaggi chiude al sesto posto

Gara 1 amara per l'Aprilia: Max Biaggi ha archiviato il ritorno nel campionato delle derivate di serie con un sesto posto, alle spalle del compagno di squadra Leon Haslam

Foto di Marzio Bondi

Tom Sykes conferma il suo amore con il tracciato di Misano Adriatico. Il poleman ha fatto sua Gara 1 del Gran Premio della Riviera di Rimini, ottavo round del mondiale Superbike. Scattato alla perfezione al semaforo verde, il britannico non han avuto avversari dal primo giro, facendo il vuoto. Chi ha provato a stare in scia all'ex campione del mondo è stato Davide Giugliano, ma il pilota romano nel finale è stato sopravanzato da Jonathan Rea (Kawasaki) e Chaz Davies (Ducati), risalito dall'undicesimo posto.

Gara 1 amara per l'Aprilia: Max Biaggi ha archiviato il ritorno nel campionato delle derivate di serie con un sesto posto, alle spalle del compagno di squadra Leon Haslam. Il “Corsaro”, 44 anni il prossimo 26 giugno, ha chiuso con un gap di oltre dieci secondi da Sykes. La partenza era stata anche buona, ma dopo poche curve ha perso tre posizioni per un attacco azzardato del campione uscente Sylvain Guintoli (Honda), poi solo nono. Un risultato piuttosto decoroso per il sei volte campione del mondo, che ha indossato caschi e tuta a quasi tre anni di distanza dal secondo titolo conquistato nel campionato derivate di serie.

Biaggi si attendeva una gara veloce e così è stata, con Sykes che ha imposto un ritmo infernale. Inizialmente Giugliano ha cercato di tenere il passo della Kawasaki 66, ma nel finale i dolori per i postumi della caduta di venerdì e un degrado eccessivo della gomma posteriore l'hanno privato della gioia del podio. A beffarlo Rea prima, che non è riuscito a replicare il passo mostrato nelle libere. Il nord irlandese si è reso protagonista di un bellissimo duello con un gran Davies, che ha riscattato la delusione della Superpole. Il gallese era stato rallentato da un problema al sensore del cambio, ma aveva le carte in regola per lottare per le posizioni di vertice.

E il numero 7 della rossa ha capitalizzato tutta la rabbia in pista, conquistando l'ottocentesimo podio per la casa di Borgo Panigale nel campionato delle derivate di serie. Festa del podio "fredda", senza inni nazionali, ma con i piloti che hanno festeggiato con il classico champagne. Fuori gioco Jordi Torres, caduto nelle battute iniziali della gara. Bella prestazione di Ayrton Badovini, che ha portato la Bmw al settimo posto davanti alla Ducati wild car di Michele Pirro. Completano la top ten le Honda di Guintoli e Michael Van De Mark. Nel frattempo Misano ha rinnovato il proprio amore con la Superbike fino al 2019.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bagno in mare all'alba, una ragazzina muore annegata

  • Spot choc a danno della Riviera per promuovere la Calabria, rispetto al nord a rischio Covid

  • Suv tira dritto alla rotatoria, mamma e figlio in scooter centrati in pieno

  • Tragedia sulle strade, militare di stanza a Rimini perde la vita con la figlia 13enne

  • Movida senza mascherine, nei guai diversi locali: multati anche baristi e clienti

  • Notte Rosa, svelate le anticipazioni sull'edizione 2020

Torna su
RiminiToday è in caricamento