Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Gnassi: "Abbiamo chiuso perché i dati sono quelli di un paese che sta andando al collasso"

Il sindaco di Rimini: “L’Italia o si salva tutta o non si salva nessuno. incrocio tra quello che dice il Governo e l’ordinanza regionale sulla provincia di Rimini per avere un quadro chiaro per tutti su cosa si può fare e cosa no"

 

“Abbiamo chiuso perché i dati sono quelli di un Paese che sta andando al collasso”. Commenta così il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, i nuovi provvedimenti restrittivi per combattere l’epidemia di Coronavirus presi sia dal presidentete della Region Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, che dal premier Giuseppe Conte. “L’Italia o si salva tutta o non si salva nessuno - ha dichiarato il primo cittadino. - L’ordinanza che abbiamo voluto come 25 sindaci della provincia di Rimini, insieme al Prefetto, e che abbiamo proposto a Bonaccini che è stato l’unico presidente ad assumersi la responsabilità che è stata dettata dal fatto che abbiamo un Paese le cui strutture sanitarie stanno andando al collasso. Nella nostra provincia il tasso di contagio è elevatissimo e siamo una delle zone dove questo corre molto velocemente. Siamo arrivati in alcuni comuni a 1 contagio ogni 100 abitanti. Se non blocchiamo questa dinamica, nel giro di qualche giorno avremo bisogno di centinaia e centinaia di posti letto che non avremo. Ecco il perché di questo provvedimento duro, che abbiamo concertato coi sindacati e le categorie economiche. Se non chiariamo la premessa che ci ha portato a prendere scelte così drastiche, nessuno si farà mai una ragione. E la ragione sono proprio i morti. In Emilia Romagna ci sono 530 posi in Terapia Intensiva e ne stiano andando ad occupare oltre 300. Se andiamo avanti così anche la rete di solidarietà regionale degli ospedali non sarà sufficiente. Abbiamo ritenuto di porre la chiusura delle attività economiche e produttive e, tra domenica notte e lunedì, ci sarà un incrocio tra quello che dice il Governo e l’ordinanza regionale sulla provincia di Rimini per avere un quadro chiaro per tutti su cosa si può fare e cosa no".

"Non voglio creare un quadro di angoscia - prosegue Gnassi - ma io ho negli occhi i feretri che da Bergamo sono arrivati anche nel nostro forno crematorio. Dobbiamo essere lucidi e sapere il perchè di provvedimento così duri come per gli spostamenti. Il virus si diffonde e nessuno ha colpa, ma le persone che si muovono sono come dei taxi per far spostare anche la malattia. Bisogna limitare gli spostamenti e la mobilità. Per questo ci siamo assunti la responsabilità di fare delle ordinanza che blocchino i confini con le Marche e con la provincia di Forlì-Cesena. Ci sono circa 60 blocchi e 10 varchi interni alla provincia di Rimini per andare a sud. Se ti sposti devi fornire un motivo valido. Solo così riusciremo a combattere quest virus".

Copyright 2020 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
RiminiToday è in caricamento