In Emilia Romagna arretra l'export: -0,6%

In Emilia-Romagna si registra una leggera diminuzione delle esportazioni (-0,6 per cento). Bene alimentare e bevande, ma cedono alcuni settori regionali forti

In Emilia-Romagna si registra una leggera diminuzione delle esportazioni (-0,6 per cento). Bene alimentare e bevande, ma cedono alcuni settori regionali forti. Pesano la recessione europea e le difficoltà in Asia. Positivi risultati in America. E’ in leggero calo, per l’economia dell’Emilia-Romagna, l’impulso proveniente dalle vendite sui mercati esteri. Nel primo trimestre 2013, le esportazioni emiliano-romagnole sono risultate pari a 12 miliardi e 179 milioni di euro, con una leggera flessione dello 0,6 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. E’ quanto attestano i dati Istat delle esportazioni delle regioni italiane analizzati dall’ufficio studi di Unioncamere Emilia-Romagna.

Le vendite all’estero nazionali sono calate dello 0,7 per cento: la dinamica in rallentamento è stata determinata dalla recessione europea. Tra le regioni italiane, Puglia (-16,1), Sicilia (-9,9) e Sardegna (-9,1 per cento) hanno registrato le cadute più rilevanti, mentre per le Marche la variazione è stata ampiamente positiva (+13,2 per cento). Cala l’export lombardo (-0,6 per cento) e toscano (-0,6 per cento), ma crescono le vendite all’estero del Veneto (+0,2 per cento) e del Piemonte (+1,2 per cento).

In Emilia-Romagna, l’andamento settoriale ha evidenziato una grande disomogeneità. L’industria alimentare ha conseguito un risultato notevole (+10,7 per cento). Piangono invece alcuni dei settori regionali forti: i mezzi di trasporto (-4,4 per cento), la metallurgia e le lavorazioni metalliche (-4,7 per cento) e soprattutto l’insieme delle industrie degli apparecchi elettrici, elettronici, ottici, medicali e di misura (-5,1 per cento).

Le destinazioni - Riguardo le aree geografiche, l’export destinato ai mercati europei, pari al 65,1 per cento del totale, si è ridotto sensibilmente (-5,0 per cento). La caduta è stata ancora più marcata per le vendite nei Paesi dell’Unione Europea (-6,6 per cento). Difficoltà sui mercati della Spagna e del Regno Unito dove la riduzione è superiore all’8,0 per cento, mentre su quello della Germania è stata del 5,4 per cento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ottime le performance sui mercati di Russia e Turchia con aumenti oltre il 10 per cento. Ancora nettamente positivi i risultati sul continente americano. Accelerano le vendite negli Stati Uniti (+18,5 per cento) e corrono in Brasile (+18,1 per cento). L’andamento sui mercati asiatici è moderatamente positivo (+1,6 per cento): infatti si sono perse quote in Cina (-12,1 per cento) e India (-2,9 per cento).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il coronavirus uccide altre due anziane. Due nuove positive al covid: erano asintomatiche

  • Trucca lo scontrino per pagare meno la spesa, denunciato per truffa

  • Grave incidente nella notte, un ferito ricoverato in Rianimazione

  • Sacerdote riminese allontanato dalla diocesi, su di lui indagine per droga e pedopornografia

  • Nuovi casi di Covid-19 tutti asintomatici, decisa regressione dell'epidemia

  • Covid-19, altri 19 guariti. Cinque nuovi contagiati: i positivi totali sono 163

Torna su
RiminiToday è in caricamento