Martedì, 22 Giugno 2021
Attualità

Concorso di poesia dialettale, tra "Silenzi" e "Coronavirus". I vincitori della 38esima edizione

Tra gli autori che hanno partecipato anche una concorrente giovanissima di soli dieci anni

La Giuria del Concorso di poesia dialettale e zirudela romagnola “Giustiniano Villa” (promosso ed organizzato dal Cumited “Com una volta” con il pieno sostegno economico dell’Amministrazione comunale), dedicato all’illustre concittadino di San Clemente e giunto quest’anno alla sua 38esima edizione, ha scelto, proclamato e premiato gli autori più meritevoli (48 i partecipanti, alcuni dei quali sia per la sezione Poesia sia per la sezione Zirudela).

Tra gli autori, spiccano la giovanissima Nina Ummarino, 10 anni, e il più longevo della manifestazione sanclementese: Mario Tonini da Misano Adriatico. Dopo un attento esame degli elaborati - ordinati sulla base di una ‘valutazione numerica’ - si è provveduto ad estrarre la cinquina dei finalisti e da qui scegliere il vincitore della sezione Poesia (a cui andrà il premio in denaro di 250 euro unitamente ad un piccolo trofeo Oro opera dello scultore Umberto Corsucci) e della Sezione Zirudela (stesso premio in denaro e identico trofeo Oro). Al secondo e terzo classificato di entrambe le sezioni andranno invece il trofeo Argento e Bronzo sempre opere dello scultore Umberto Corsucci. 

La Giuria ha inoltre deciso di segnalare altri due autori nella sezione Poesia e un autore nella sezione Zirudela.

Sezione poesia
Poesia vincitrice:  "L’Oiba" di Lorenzo Scarponi (Bellaria Igea Marina)
Secondo premio: "Silenzi" di Marcella Gasperoni (Bellaria Igea Marina)
Terzo premio "TaT’un si de'?" di Loris Martelli di Cesena

Segnalate:
"Premavira 2020_Covid 19" di Franco Ponseggi da Bagnacavallo (Ravenna)
"Li la ridiva" di Gianfranco Rossi da Cesena

Sezione zirudela
Zirudela Vincitrice: Coronavirus di Franco Ponseggi da Bagnacavallo (Ravenna)

Segnalata:  
I Tratarul di Vincenzo Baietta da Viserbella (Rimini)

Premio opera dantesca
Il Premio Opera Dantesca è stato invece assegnato a Bruno Zannoni di Ferrara per "E Zentunesum Cant": a lui una targa in ceramica dello scultore Umberto Corsucci offerta dal professor Angelo Chiaretti, Presidente del Centro Studi Danteschi San Gregorio in Conca. 
La consegna dei premi seguirà un iter differente rispetto al recente passato e non avverrà durante il consueto appuntamento, aperto al pubblico, del Teatro Giustiniano Villa in quanto l’emergenza sanitaria da Covid-19 non consente lo svolgimento della cerimonia conclusiva.
La giuria del Premio “Giustiniano Villa”, edizione 2020, era composta dal professor Piero Meldini presidente); professoressa Grazia Bravetti, professor Angelo Chiaretti, professoressa Maria Pia Rinaldi, professor Oreste Pecci: dottor Luciano Guidi; dottor Maurizio Casadei; signor Claudio Casadei.

san clemente-5

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concorso di poesia dialettale, tra "Silenzi" e "Coronavirus". I vincitori della 38esima edizione

RiminiToday è in caricamento