"Face to Face", una video-mostra per raccontare come l'arte e l'emergenza trasformano la vita

Il progetto virtuale realizzato dall’Accademia di Belle Arti di Ravenna insieme ai Musei Comunali sarà visibile sul canale youtube dei Musei di Rimini

A partire da mercoledì 17 giugno la video-mostra Face to face, progetto espositivo virtuale realizzato dall’Accademia di Belle Arti di Ravenna in collaborazione con i Musei Comunali sarà visibile sul canale youtube dei Musei del Comune di Rimini. "Quello che con questa mostra si è realizzato è il risultato creativo occasionato da una emergenza drammatica che ha imposto silenzio e distanza alle nostre relazioni e alle attività di chi produce arte. Abbiamo davanti agli occhi a tutti gli effetti una mostra: ideata e realizzata dagli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Ravenna e allestita e ambientata virtualmente negli spazi dell’Ala Nuova del Museo della Città di Rimini. Spazi da alcuni anni dedicati all’arte contemporanea e alla sperimentazione, ancora dotati di una veste ruvida e non finita di cantiere in corso d’opera".

Sono stati cornice e pareti per le opere degli allievi che si sono misurati con il tema del volto e dell’identità nella mostra virtuale Face to face di cui i Musei Comunali di Rimini hanno intuito subito la portata e la capacità di diffusione: più vera e efficace di quanto la virtualità con cui è stata realizzata e resa visibile in video possa far pensare… Come è accaduto per molti musei e luoghi culturali l’attività espositiva, temporaneamente sospesa, è stata indirizzata verso lo sterminato universo digitale, aprendo una prospettiva interessante e un mondo di possibilità fino ad ora inesplorate, i cui contenuti potranno generare strategie e accessi per il futuro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scrive Maria Rita Bentini a proposito del progetto: "Lavorare nello spazio della propria casa, piuttosto che nelle aule dell’Accademia, avere a disposizione quasi niente per creare un lavoro artistico, vivere in isolamento e non nella relazione del fare insieme come accade quotidianamente in una scuola d’arte, sono divenuti un’opportunità, i fattori di una speciale possibilità creativa. Con modalità impreviste da sperimentare per relazionarsi “faccia a faccia” con lo spazio, il mondo, gli altri, immaginando coordinate e strumenti del tutto nuove. L’esito è la video-mostra che può essere visitata da ovunque. Possiamo attraversare le sale del museo riminese, avvicinarci alle sculture, ai dipinti, alle animazioni, scoprendo “di volto in volto” il piacere della materia plastica in tutte le sue varianti, dagli aspetti più manuali a quelli digitali. Beninteso, tutto è rigorosamente frutto di un abile fotomontaggio. Il tema introspettivo e fisico del volto è il filo conduttore del progetto, interpretato da ciascuna/o con grande libertà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento