Attualità Coriano

San Patrignano, un nuovo chef alla guida della brigata dell'agriturismo gastronomico

Ripartito anche il ristorante che ha riaperto le porte ai clienti. Un'attività essenziale anche per la formazione delle ragazze e dei ragazzi della comunità

Condividere la passione per il cibo e far scoprire la genuinità dei prodotti frutto dell’impegno dei ragazzi di San Patrignano. Sono questi i due tratti che contraddistinguono Vite, l’agriturismo gastronomico della comunità, che nei giorni scorsi ha riaperto le porte ai suoi clienti. Vite si arricchisce di un nuovo capitolo grazie a una nuova brigata in cucina e in sala, composta da ragazze e ragazzi ancora in percorso che qui possono mettersi alla prova con persone esterne alla comunità. A guidarli in cucina il giovane chef Davide Pontoriere, con i sous chef Luca Feriero e Luca Strano, mentre in sala i ragazzi saranno guidati dal maitre Massimiliano Novello.

In cucina la volontà è quella di unire nuove idee a ingredienti di prossimità. Una filosofia che unisce stagionalità autentica e prodotti provenienti o dalla filiera di San Patrignano o accuratamente selezionati. “Nel piatto si ritrova la sinergia con il territorio e l’amore per la materia prima, trattata con rispetto, delicatezza e semplicità – spiega lo chef Pontoriere -  I nostri piatti prendono vita dalla libertà di proporre abbinamenti inediti, vivaci, che parlano di San Patrignano e di ragazzi che in cucina vogliono mettersi in gioco”.

chef - brigata san patrignano - 2021-2

Sarà possibile ritrovare quindi grandi classici del ristorante, come la “Pappa al pomodoro” o nuovi piatti come l’ “Asparago in spuma, al vapore e croccante con meringa salata al dragoncello e spugna al curry”. Una cucina che vuole essere diversa da quella abituale, capace di inventare e giocare, ma allo stesso tempo in grado di restare solidamente ancorata alle origini e accessibile a tutti. Da non dimenticare la selezione di vini intriganti per espressione varietale e carattere regionale da abbinare ai piatti del menù.

Un ristorante che alla qualità dei suoi piatti, unisce e conferma ancora una volta il suo essere scuola di formazione per i ragazzi in percorso in comunità. "Abbiamo strutturato un gruppo di ragazzi e ragazze in percorso che si muoverà come un settore di formazione – spiega Roberto Bezzi, responsabile del ristorante – Si tratta di ragazzi che in passato hanno già lavorato nella ristorazione o che ne hanno appreso i segreti nei primi anni di percorso. A loro poi nei fine settimana si uniranno ragazze e ragazzi che frequentano la scuola alberghiera che così potranno mettersi alla prova. I nostri clienti spesso vedranno impegnate in cucina e in sala più persone di quante solitamente possono esserci in un ristorante, ma senza il loro brulicare fra i tavoli e la loro voglia di imparare, questo ristorante non avrebbe senso di esistere".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Patrignano, un nuovo chef alla guida della brigata dell'agriturismo gastronomico

RiminiToday è in caricamento