Domenica, 19 Settembre 2021
Attualità Verucchio

Verucchio conferma la Bandiera Arancione del Touring Club Italiano

Riconoscimento per cittadina che dal 2017 è stata inserita anche fra i Borghi più belli d’Italia come un punto di riferimento in fatto di ospitalità

Verucchio conferma la Bandiera Arancione del Touring Club Italiano anche per il prossimo triennio. La sindaca Stefania Sabba: “L’importante riconoscimento è un premio al lavoro e alla cura quotidiana, ma anche uno stimolo a fare sempre di più e meglio per rendere la nostra cittadina che dal 2017 è stata inserita anche fra i Borghi più belli d’Italia un punto di riferimento in fatto di ospitalità. I borghi hanno una centralità sempre maggiore nelle politiche turistiche nazionali e quello delle Bandiere è il turismo slow, autentico, accogliente e rispettoso dell’ambiente che andiamo perseguendo da tempo”. La comunicazione pubblica del riconoscimento di qualità turistico-ambientale conferito dal Touring Club è avvenuta online una decina di giorni fa e Verucchio si conferma fra località italiane insignite con la Bandiera Arancione anche per il prossimo triennio: sono 262 quelle complessive, 21 in Emilia Romagna e appena quattro in provincia di Rimini.

“La località, collegata tramite un circuito di visita al comune di San Leo (anch’esso Bandiera Arancione), si distingue per l’efficiente servizio di informazioni turistiche, tra cui spicca un ufficio informativo organizzato e ricco di materiale. Il centro storico, tipico, raccolto e ben conservato, presenta un’efficiente segnaletica di indicazione per i punti di interesse di grande importanza” si legge sul sito ufficiale https://bandierearancioni.it alla voce motivazioni dei ghost visitor. Portale che riserva alla cittadina diverse pagine con immagini e descrizioni dei gioielli culturali e delle attrattive enogastronomiche e ricettive.

“Il veder confermata la scelta effettuata dal Touring Club oramai più di dieci anni fa fino al 31 dicembre 2023 è un premio al lavoro amministrativo e alla cura che giunta, consiglieri, uffici ma anche titolari delle attività economiche e cittadini riservano a quello che dal 2017 è anche uno dei Borghi più Belli d’Italia. Un riconoscimento ma anche uno stimolo a fare sempre di più e meglio in fatto di servizi, estetica, attenzione e in questo percorso si inserisce la riqualificazione di piazza Malatesta che prenderà avvio a settembre” commenta la sindaca Stefania Sabba, ricordando come “negli ultimi anni i borghi abbiano assunto una centralità sempre più rilevante nelle politiche turistiche” e come “quello delle bandiere sia il turismo slow, autentico, accogliente e rispettoso dell’ambiente che andiamo perseguendo da tempo”.

La bandiera arancione è un riconoscimento di qualità turistico-ambientale conferito dal Touring Club Italiano (TCI) ai piccoli comuni dell'entroterra italiano (massimo 15.000 abitanti) che si distinguono per un'offerta di eccellenza e un'accoglienza di qualità[1]. L'idea è nata nel 1998 a Sassello (in Liguria), dall'esigenza dell'ente regionale di promuovere e valorizzare l'entroterra. Il TCI, quindi, sviluppò un modello di analisi (detto modello di analisi territoriale o MAT) per individuare le prime località meritevoli. In seguito il riconoscimento è stato promosso su scala nazionale, individuando piccole località d'eccellenza in ogni regione. Il gruppo, a giugno 2021, comprende 252 borghi. Il progetto è l'unico italiano inserito dall'Organizzazione mondiale del turismo (World Tourism Organization) fra i programmi realizzati con successo per uno sviluppo sostenibile del turismo in tutto il mondo. Nel 2002, gli allora 16 comuni con "bandiera arancione" a Dolceacqua, diedero vita all'Associazione dei Paesi Bandiera Arancione, con lo scopo di riunirli per aumentare il turismo.[2] Con gli 11 ingressi 2021, i Comuni che possono fregiarsene sono diventati come detto 262.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verucchio conferma la Bandiera Arancione del Touring Club Italiano

RiminiToday è in caricamento