“Vicinato Vigile e Solidale”, prosegue l'iter di attuazione del programma

Prosegue l’iter di attuazione del programma di sicurezza integrata “Vicinato Vigile e Solidale” nei Comuni della Valmarecchia

Prosegue l’iter di attuazione del programma di sicurezza integrata “Vicinato Vigile e Solidale” nei Comuni della Valmarecchia. Nei giorni scorsi infatti la Giunta dell’Unione ha approvato le linee guida per i dieci Comuni della Valmarecchia: in sostanza una base condivisa di cui avvalersi nel caso in cui le Amministrazioni comunali decidano di avviare il progetto sul proprio territorio. Per favorire l’omogeneità delle azioni e l’attività di coordinamento, la Giunta ha definito anche le modalità per la costituzione dei gruppi di vicinato e il logo da apporre sui cartelli, che potranno essere affissi nei quartieri per rendere visibile la presenza dei gruppi stessi.

Il progetto “Vicinato Vigile e Solidale” approvato dall’Unione Valmarecchia sulla base dell’esperienza maturata a Poggio Torriana – primo Comune nella Provincia di Rimini ad aver avviato l’iniziativa un anno e mezzo fa con due gruppi nati spontaneamente, oggi divenuti cinque – ha visto nei mesi scorsi anche l’adesione del Comune di Santarcangelo dove è già attivo un gruppo di vicinato.  

La caratteristica del progetto, che si ispira ai principi del “Controllo di Comunità” sviluppato dalla Regione Emilia Romagna e frutto della collaborazione di Poggio Torriana con la Cooperativa “Fratelli è Possibile”, è l’abbinamento dell’attività di “controllo” dei cittadini con la solidarietà di vicinato, un valore aggiunto che ancora contraddistingue il territorio dei comuni dell’Unione e ne è punto di forza.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sosteniamo i “Gruppi di vicinato” – spiega Daniele Amati, sindaco di Poggio Torriana e assessore dell’Unione con funzione associata di Polizia Municipale – nel recupero della coesione sociale e della solidarietà tra vicini di casa, come strumenti di prevenzione contro l’isolamento e le vulnerabilità sociali che possono aprire spazi a episodi di criminalità. Particolare attenzione, inoltre, deve essere riservata alle persone più sole e ai gruppi famigliari che da poco tempo sono entrati a far parte delle nostre comunità. Infine, attraverso il coordinamento della Polizia Locale, i cittadini acquisiscono gli elementi utili per fare segnalazioni qualificate, riconoscere le truffe, conoscere i numeri telefonici da chiamare in caso di emergenza. È infatti vietato sostituirsi alle Forze dell’ordine, organizzare ronde, agire mettendo a rischio la propria incolumità. I compiti dei cittadini sono innanzitutto quelli di conoscersi, osservare, ascoltare e comunicare tra loro e con le Forze dell’ordine.”
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento