Dieta ipoglucidica: benefici e controindicazioni della dieta che fa dimagrire velocemnte

Dimagrire velocemente con la dieta che riduce il contenuto di glucidi a favore di proteine e grassi. Scopriamo come funziona

Negli ultimi anni la dieta chetogenica è diventata il regime alimentare più trend per dimagrire velocemente consumando pochissimi carboidrati, molti grassi e numerose proteine. Una dieta che si contrappone alla dieta Mediterranea determinandone un netto sbilanciamento, quasi un ribaltamento, delle proporzioni tra i macronutrienti. 

Nella dieta chetogenica, infatti, i grassi rappresentano il 70-75% del totale delle calorie ingerite, i carboidrati non superano il 5-10% e le proteine si aggirano intorno al 15-25% della quota calorica quotidiana.

Ad affiancarsi alla dieta chetogenica a basso contenuto di carboidrati che circolano sul web e non solo troviamo anche la dieta ipoglucidica: una dieta - come suggerisce il nome stesso - a ridotto contenuto di glucidi, dunque di carboidrati. Anche questa dieta promette un dimagrimento importante ed immediato. Ma attenzione alle controindicazioni.

Dieta ipoglucidica: come funziona

La dieta ipoglucidica, come per la chetogenica, fornisce all’organismo una grande quantità di proteine e grassi. Carni rosse e bianche, latte, uova e pesce sono gli alimenti primari da consumare. Sono consentiti anche altri alimenti di origine vegetale che contengono proteine come i cereali, i legumi e una piccola parte di frutta e verdura. Un esempio di menù tipico potrebbe essere il seguente:

  • a colazione una tazza di latte parzialmente scremato/un caffè o una tazza di tè senza zucchero, più una fetta biscottata integrale.
  • Per lo spuntino di metà mattina uno yogurt magro.
  • A pranzo del petto di pollo alla piastra o carne rossa con contorno di verdure miste cotte.
  • A cena del pesce ai ferri e insalata.

Qual è il beneficio? La drastica riduzione dei carboidrati a vantaggio degli altri nutrienti punta a costringere l’organismo ad utilizzare i grassi come fonte di energia, con l’obiettivo di favorire il dimagrimento.

Come leggiamo su tuobenessere.it, a differenza dei carboidrati, le proteine producono soltanto quattro calorie al grammo. Quelle in eccesso vengono quindi eliminate, a differenza dei glucidi in eccesso, che producono le stesse calorie ma vengono conservati sotto forma di grasso corporeo. La perdita di peso si deve anche all’elevato potere saziante che hanno le proteine rispetto ad altri nutrienti.

Controindicazioni

Tuttavia, un eccessivo consumo di proteine può avere serie conseguenze sulla nostra salute. Le proteine vanno sempre bilanciate con carboidrati e lipidi e, se esse sono maggiori rispetto agli altri nutrienti, l’eccesso di proteine si trasforma inevitabilmente in grasso di deposito, facendo diventare la dieta iperproteica ma anche ipercalorica.
Infine, ricordiamo che l’eccesso di proteine comporta un maggiore impegno di fegato e reni, coinvolti nell’eliminazione dell’azoto delle proteine, e che questo regime alimentare è controindicato soprattutto in caso di problemi epatici e renali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittima del multilevel marketing: "Col miraggio di un ottimo stipendio costretti a cantare e ballare"

  • Scoperta una truffa nelle vendite piramidali, il blitz nel mezzo della convention aziendale

  • Primo passo verso la normalità: l'Emilia-Romagna torna in zona arancione

  • Folle inseguimento ai 200 chilometri all'ora, bloccato il suv pirata

  • Stroncato da un improvviso malore, i pediatri piangono la scomparsa di Daniele Zavalloni

  • Il Silb: “Si riaprano i locali da ballo, almeno quelli all’aperto"

Torna su
RiminiToday è in caricamento