rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Alimentazione

Digiuno intermittente, fa bene o fa male?

Il digiuno intermittente è diventato sempre più popolare e discussi per il controllo del peso. Ma è davvero privo di controindicazioni ed effetti collaterali?

Il digiuno intermittente è sempre più popolare. Uno schema dietetico diventato tra gli argomenti principali dei social soprattutto dei “cinguettii” su Twitter durante tutto il 2021. Ma non solo. Sono anni, infatti, che il digiuno intermittente è al centro di accesi dibattiti che interessano il mondo scientifico.

La domanda che risuona maggiormente e a cui si è cercato di dare una risposta è: questa dieta innovativa e popolare è davvero priva di rischi?

Scopriamolo!

Cos’è e benefici del digiuno intermittente 

Il digiuno intermittente è uno schema dietetico basato su periodi di restrizione calorica alternati a periodi di normale assunzione di cibo, su base ricorrente. 

I principali benefici che derivano dal digiuno intermittente interessano la regolazione del glucosio nel sangue, con un miglioramento dei livelli di trigliceridi e colesterolo, i livelli della pressione sanguigna e la frequenza cardiaca a riposo. Inoltre, sembra che seguire il digiuno intermittente possa aiutare a ridurre l'aumento di radicali liberi e riesca a ritardare l'insorgenza di malattie quali ictus, demenza e morbo di Parkinson.

Il digiuno intermittente fa dimagrire?

La risposta è ni.

Il deficit calorico che deriva dal digiuno intermittente può stimolare il metabolismo, cosa che fa dimagrire solo se associata a alimentazione sana e varia e a una corretta attività fisica. Alcuni studi, tra cui quello condotto da un team dell’Università della California San Francisco (UCSF), sono inoltre arrivati alla conclusione che il digiuno intermittente fa dimagrire esattamente come una qualsiasi altra dieta che preveda una riduzione delle calorie giornaliere e del loro consumo in orari non specificati ma, di contro, può portare a una maggiore perdita muscolare. 

Proprio per questo, chi segue il digiuno intermittente potrebbe aver bisogno di fare più attività fisica per mantenere la massa muscolare.

Digiuno intermittente: controindicazioni ed effetti collaterali

Abbiamo visto i benefici del digiuno intermittente, soprattutto, legati alla regolazione del glucosio nel sangue e ai livelli della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca. Ma è anche vero che se protratto nel tempo, il digiuno prolungato e ripetuto può comportare seri danni all'organismo. La presenza di una malattia concomitante, inoltre, può rappresentare un ulteriore fattore di rischio.

Come affermato dall’ISS - Istituto superiore di sanità – “quando si parla di riduzione del numero delle calorie (restrizione calorica) e, soprattutto, di digiuno, è bene ricordare che gli effetti sulla salute possono essere imprevedibili e in alcuni casi pericolosi. Per questo motivo, è importante evitare di cambiare radicalmente le proprie abitudini alimentari senza il parere del medico o di un esperto del settore”.

Il consiglio è di evitare di ricorrere al digiuno intermittente “fai da te” perché può provocare irritabilità, rabbia, difficoltà di concentrazione, mal di testa, fatica, colpi di sonno, riduzione delle prestazioni fisiche e mentali, disidratazione e insonnia. Quindi meglio farsi seguire da un professionista per evitare altri disturbi.

Alcune situazioni, infatti, sono più a rischio di altre. Se si tanno assumendo farmaci e in presenza di malattia è particolarmente importante evitare di ricorre a regimi alimentari fai da te e improvvisati. 

Infine, qualsiasi forma di digiuno intermittente è assolutamente da evitare nei bambini, negli adolescenti, nelle donne in gravidanza o in allattamento e in tutti i casi di disturbo del comportamento alimentare.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Digiuno intermittente, fa bene o fa male?

RiminiToday è in caricamento