L'aggressore ricoverato in psichiatria, "affetto da forti turbe mentali"

Il 30enne accusato del tentato omicidio di un giovane nigeriano richiedente asilo sarebbe disturbato psicologicamente

Non ci sarebbero stati motivi di odio razziale all'origine della feroce aggressione, andata in scena mercoledì sera a Marina Centro, che ha visto un 25enne nigeriano richiedente asilo venire massacrato da Valerio Amato. Il 30enne, originario di Roma ma residente a Rimini, sarebbe infatti affetto da gravi disturbi mentali tanto che, nel pomeriggio di giovedì a poche ore dal suo trasferimento nel carcere dei "Casetti", è stato trasferito d'urgenza nel reparto di psichiatria dell'Infermi. Difeso dagli avvocati Francesco Pisciotta e Massimiliano Giacubbo, avrebbe dato prova di un forte disturbo mentale caratterizzato da manie di persecuzione, Una vera e propria bomba a orologeria, quindi, che sarebbe potuta esplodere in qualsiasi momento e con qualsiasi persona che si fosse trovata davanti al 30enne già seguito dal centro di Igiene Mentale.

Nel frattempo, restano critiche le condizioni del 25enne, ricoverato anche lui in Rianimazione all'Infermi, in condizioni critiche. I medici, infatti, stanno lavorando per cercare di stabilizzarlo per le ferite da arma da taglio al torace e le varie fratture. Gli ortopedici, nella giornata di giovedì, lo hanno sottoposto a un delicato intervento per ricomporre la frattura alla gamba e, con tutta probabilità, il nigeriano dovrà tornare sotto i ferri.

.Nel corso del pomeriggio il sindaco di Rimini Andrea Gnassi si è recato di persona a colloquio col primario dell'anestesia rianimazinoe, dottore Nardi, per informarsi sulle condizioni del ragazzo, e al dirigente ospedaliero ha espresso il suo apprezzamento rispetto agli sforzi che i medici, della rianimazione, del pronto soccorso, del soccorso e dell'ortopedia, dell'ospedale di Rimini, stanno profondendo per salvare la vita al paziente.

===> Segue

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento