"Fai le orge coi 15enni, voglio partecipare anch'io", arzillo 85enne a processo

L'anziano è stato rinviato a giudizio con l'accusa di stalking, la vittima una impiegata delle Poste

Da tempo era diventata la sua ossessione fissa tanto che, secondo l'accusa, non passava giorno che non si presentasse davanti a lei per farle delle proposte a luci rosse. L'uomo, un arzillo 85enne, aveva preso di mira una dipendente delle Poste Italiane, che lavora in un ufficio di Rimini, e ogni mattina si metteva in fila con gli altri utenti per molestare la donna. Dopo la fila di rito, l'anziano si presentava davanti alla donna che aveva preso di mira iniziando a fare discorsi a sfondo sessuale davanti a tutti. In una occasione, secondo quanto emerso, avrebbe imputato alla vittima di intrattenersi con delle orge insieme a dai 15enni spiegando che, anche lui, voleva partecipare ai presunti festini a luci rosse che, in realtà, esistevano solo nella mente dell'85enne.

Una situazione che, col passare del tempo, è diventata sempre più insostenibile per la dipendente delle Poste che, oramai allo stremo, ha denunciato l'anziano per stalking. Le indagini, quindi, hanno documentato il comportamento assillante dell'uomo che, allo stesso tempo, ha causato non pochi problemi di stress alla vittima la quale, ogni giorno, se lo trovava davanti con le sue pretese assurde. Nella giornata di giovedì, l'85enne è comparso davanti al gip che lo ha rinviato a giudizio per stalking.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento