Lite condominiale, costringe ragazzino a vedere il padre picchiato a sangue

Molestatore seriale arrestato dai carabinieri di Riccione, era diventato l'incubo dei residenti

I carabinieri della Compagnia di Riccione hanno arrestato, su ordinanza di custodia cautelare, un 49enne già noto alle forze dell'ordine. La vicenda si svolge in un condominio di proprietà dell'Acer dove, da diversi anni, i residenti venivano aggrediti verbalmente e fisicamente dall'uomo. Nel corso del tempo, diverse famiglie erano state costretta a lasciare le loro abitazioni per ritrovare la pace. In particolare, ad essere prese di mira dal 49enne erano padre, madre e figlio con il ragazzino che, in una occasione, era stato percosso tanto da riportare la frattura di mano e polso. Anche il genitore era stato preso a cazzotti, rompendogli il naso, con l'aggressore che aveva costretto il giovane a vedere il padre sanguinante. Il padre dell'attuale arrestato, nel 2014, era già stato arrestato per tentato omicidio quando aveva colpito con un martello un condomino. Tutti gli episodi, documentati dai carabinieri, hanno portato la magistratura ad emettere il provvedimento restrittivo eseguito dai militari dell'Arma nella giornata di martedì.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento