Taroccavano importante griffe, maxi sequestro da 1,7 milioni agli imprenditori

Operazione “Eden brand” della Guardia di Finanza, sotto sigilli disponibilità finanziarie, sei immobili a Riccione e quote azionarie di tre società

I finanzieri del Comando Provinciale di Rimini hanno eseguito, nella mattinata di venerdì, un provvedimento di sequestro preventivo emesso dal GIP presso il Tribunale di Rimini,su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di un imprenditore riminese, operante nel settore dell’abbigliamento. I sigilli sono arrivati in seguito a quanto emerso nell’ambito dell’operazione “Eden brand”, avviata nell’autunno 2017 dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Rimini, per risalire la “filiera del falso”, e nel corso della quale, nel mese di febbraio scorso, le Fiamme Gialle avevano ricostruito un vasto giro d’affari legato alla produzione su larga scala di abbigliamento contraffatto, che gli indagati commercializzavano su tutto il territorio nazionale, anche utilizzando società di diritto sammarinese, a loro, di fatto, riconducibili. In quella circostanza erano state eseguite, con l’impiego di oltre 1000 finanzieri appartenenti a 130 Reparti della Guardia di Finanza, oltre 300 perquisizioni su tutto il territorio nazionale e, a seguito di procedura rogatoriale, attivata dalla Procura della Repubblica di Rimini, alcune anche nel territorio della Repubblica di San Marino, dove, a seguito delle operazioni di polizia giudiziaria compiute dalle autorità del Titano, sono state individuati 5 capannoni industriali e una tipografia, sequestrandovi oltre 400 mila capi d’abbigliamento, accessori e semilavorati contraffatti, centinaia tra macchinari, lucidi e cliché, nonché disponibilità finanziarie per oltre 300 mila euro.

Il sequestro penale, confermato anche in sede di Riesame in Italia e Appello a San Marino, aveva visto venire bloccati circa 500 mila capi d’abbigliamento contraffatti, prevalentemente riconducibili al noto marchio “Thrasher”, decine di migliaia tra cliché, lucidi, telai e macchinari per la produzione del “falso”, per un valore stimato di oltre 6 milioni di euro. Alcuni negozianti che avevano acquistato e rivenduto in buona fede la merce nelle proprie boutique si erano resi addirittura disponibili a risarcire i loro clienti tratti in inganno dalla presunta genuinità del prodotto. Gli accertamenti economico-finanziari sviluppati successivamente dai finanzieri del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Rimini hanno consentito di ricostruire l’illecito giro d’affari milionario messo in piedi in poco più di un anno, quantificato in circa 1,7 milioni di euro. Perciò, a completamento di questa ulteriore fase d’indagine, gli stessi militari della Guardia di Finanza, in ottemperanza a quanto disposto dal GIP presso il Tribunale di Rimini, hanno dato seguito all’esecuzione del relativo decreto di sequestro preventivo per equivalente di disponibilità finanziarie, sei immobili ubicati a Riccione e quote azionarie di tre società, per un valore complessivo di circa 1,7 milioni di euro, pari all’illecito profitto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, preso di mira un supermercato

Torna su
RiminiToday è in caricamento