A Riccione giro di vite sulla prostituzione, pizzicate lucciole e clienti

Blitz della Municipale sui viali del sesso a pagamento e nelle strutture dove risiedono le belle di notte

Una vera e propria operazione a trecentosessanta gradi quella svolta dalla Polizia Municipale in questi ultimi tre giorni contro il fenomeno della prostituzione. Già dagli ultimi controlli delle “signorine” che esercitavano sulle strade riccionesi del sesso a pagamento, erano emersi i nominativi di residence e alberghi della città nei quali sono solite alloggiare durante il periodo invernale e nelle prime ore del mattino di lunedì e martedì sono scattati i controlli presso 3 strutture recettive. Numerose le persone alloggiate non regolarmente registrate di varie nazionalità più violazioni di carattere amministrativo sulle quali verranno emessi i verbali.

In un caso la struttura ricettiva, sulla base della documentazione in possesso del Comune, doveva risultare chiusa ma, in realtà, era aperta con diverse persone alloggiate. Non erano presenti le tabelle con le stelle di classificazione, in un caso la classificazione pubblicizzava a 2 stelle e non corrispondeva a quella reale. Con la firma della nuova Ordinanza anti-prostituzione del Sindaco Tosi, firmata il 30 marzo, la municipale sempre in questi tre giorni ha pattugliato con il personale in borghese il tratto di strada compreso  fra il piazzale del porto e piazzale Azzarita, fra le 21 e le 23, e lungo il tratto di viale d'Annunzio, in zona Marano, fra le 23 e le 01. Sono state identificate e verbalizzate, in quanto colte in flagranza di reato, due belle di notte: una di nazionalità albanese e l’altra proveniente dalla Bulgaria  entrambe di età compresa fra i 27 e i 28 anni. Con loro sono stati identificati e verbalizzati anche  i due clienti: un 45enne di nazionalità italiana residente fuori provincia, e un 40enne straniera munito di permesso di soggiorno e residente a Riccione. A tutti è stata elevata sanzione di 258 euro.

Nella zona di Riccione il fenomeno della prostituzione è ampliamente sotto controllo - ha sottolineato il comandante della Municipale, Graziella Cianini. - Sicuramente si tratta di un’attività, quella di presidio e di pattugliamento e di controllo degli alberghi che ospitano le signorine, che non si limiterà al periodo contingente dovuto all’avvicinarsi delle festività pasquali, ma che continuerà con maggiore impegno di uomini e mezzi anche durante il periodo estivo con controllo presso le residenze private e gli alberghi che ospitano le prostitute”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

  • Test sierologico gratuito, ecco le farmacie della provincia di Rimini che aderiscono

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento