A Rimini salgono a 17 le associazioni per l'emporio solidale

Nel corso del 2018 ha aiutato almeno 1.900 persone di cui più di 600 bambini e minori, di età compresa tra 0 e 15 anni

L'emporio solidale di Rimini, che nel 2018 ha riempito 3.500 carrelli della spesa per 500 famiglie, avrà al suo fianco più associazioni, 17 in tutto. E' quanto ha deciso la giunta comunale approvando il nuovo protocollo che, appunto, allarga a 17 le associazioni attive nel progetto. Nel corso del 2018 #EmporioRimini ha aiutato almeno 1.900 persone di cui più di 600 bambini e minori, di età compresa tra 0 e 15 anni. Si tratta di un supermercato per le persone in forte difficoltà economica dove è possibile fare la spesa senza l'utilizzo del denaro, ma con una tessera a punti gratuita, assegnati sulla base della composizione del nucleo familiare. "Uno strumento- commenta Gloria Lisi, assessore comunale alla Protezione sociale- per evitare la cronicizzazione del disagio ed il superamento della 'crisi' da parte di famiglie che non sono povere nel senso tradizionale del termine, ma semplicemente stanno attraversando un periodo di riassestamento, per esempio dopo aver perso il lavoro. C'è una dignità enorme tra questi scaffali, uno spaccato di città nascosta ma che vale la pena conoscere; per questo siamo contenti dell'allargamento del progetto ad altri settori associativi e della società civile. Un progetto della città per la città, questo è lo spirito che anima e sostiene l'emporio solidale", conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento